Scrivi al Creatore

Da piccoli ci insegnano a scrivere la lettera a Babbo Natale per chiedere I doni che desideriamo per la Santa Festa..

Lo stesso possiamo fare ora che siamo un pò più grandicelli, ma con desideri e problemi diversi, e soprattutto con una consapevolezza diversa..

Non per forza bisogna spedirla, la lettera, al Polo Nord o chissà dove, perchè tanto Lui, il Creatore, The Big One, l’Onniscente.. per sua natura SA, conosce, è dappertutto, anche nella nostra mente… percui esternalizzare I nostri desideri temporanei non può che far bene. Magari abbiamo terminato la lista dei 101 desideri, quindi possiamo scrivere “Caro Padre, ti affido I miei 101 desideri… ti prego di aiutarmi ad ottenerli il prima possibile, se è per il mio massimo bene!”. Ecco qui dunque la lettera di Babbo Natale 2.0 :D, solo che la possiamo fare in qualunque periodo dell’anno… tanto il Padre Cosmico elargisce la Sua abbondanza 24h/24h e 7 giorni su 7!

Oppure siamo in un momento difficile… Un momento in cui l’ego la fa da padrone e ci fa vedere buio pesto, che neanche un Angelo sceso in Terra per noi ci riuscirebbe a tirare fuori dal tunnel in cui ci troviamo.

E allora, credo proprio che scrivere direttamente a Lui, il “datore di lavoro” degli Angeli, bypassando I suoi amorevoli ed instancabili aiutanti (che costantemente ci aiutano ogni giorno, anche se non lo sappiamo riconoscere a volte!), sia la soluzione migliore. Ed anche molto semplice… basta carta e penna, oppure una tastiera ed un computer.

Diamogli del tu, o del lei, o del voi… come ci sentiamo, parliamo col cuore, svuotiamo la mente, affidiamoci a chi ci ha creato. Fuori tutto! Non mentiamo, non tralasciamo dettagli, lui sa, lui può vedere e sono sicura che ci risponderà… poi se saremo in grado di sentire la sua risposta, sta a noi e alla nostra sensibilità. Ma almeno, Lo abbiamo fatto cosciente e partecipe dei nostri dolori, momenti, pensieri.

Non siamo soli, nemmeno quando siamo soli. No e poi no. Dio ci ama immensamente, e per aiutarci a disdricarci in questa materia fatta troppo spesso di dolore, ci invia costantemente aiuti che la nostra mente, e tutte le religioni, hanno dipinto come angeli… e non ci sono solo loro! Wow! Arcangeli… Maestri… Dee… Deva… Santi… e difatti gli aiuti che possono pervenire hanno varia natura… libri, corsi, teorie, quanti sono? Qualcuno li ha mai contati?

E allora oggi pensiamo a questo: a Lui. A parlare con Lui. A condividere la nostra vita a Lui, con consapevolezza. Un pò come ha fatto Neale Donald Walsh che ha scritto “Conversazioni con Dio”. Non dico che arriveremo a tanto, no no, rimaniamo saldi e scrolliamo l’ego di dosso. Dico solo che possiamo avere un canale diretto con Lui, quando vogliamo, e questo canale può materializzarsi semplicemente scrivendo… Poi vogliamo spedire la lettera? Con indirizzo “Paradiso”? O “Universo”? Oppure “Cosmo”? Ma anche senza spedirla… a Lui arriverà… zero dubbi, al riguardo…

Tu sei un Angelo

Tu, che nel dubbio quotidiano leggi I messaggi degli Angeli…

sappi che Tu stesso sei un Angelo sceso in Terra

che Dio ti ama immensamente

che Dio ha creato gli Angeli per aiutarti

ma che Tu sei un Essere Meraviglioso manifestazione Divina del Creatore

e come tale

sei Perfetto, Divino, Immenso

Ricorda ciò che sei

e se ti chiedi “cosa sono venuto a fare qui”

la risposta è più semplice di quello che puoi pensare:

manifestare il Divino che c’è in te vivendo il presente ogni giorno

con gioia, abbondanza, felicità, serenità

tutto quello che il nostro Divino Creatore desidera per noi

Lascia andare I vecchi programmi mentali che ti portano tristezza, rabbia, ansia, o basse frequenze. Quelle non ti appartengono… perchè tu, io, noi, siamo tutti Esseri Perfetti di Luce che stiamo facendo esperienza in una dimensione materiale e in un corpo fisico.

Che la Luce immensa del Divino Creatore splenda abbondante e infinita con chiarezza nelle nostre vite, che l’Armonia fluisca in ogni cellula del nostro Essere, che il Risveglio sia presto realtà per tutti ❤

Parla alla tua mente

Siamo fatti di corpo, anima, mente. Dal Tutto, dallo Spirito veniamo, ci incarniamo ed abbiamo bisogno di un involucro, l’Anima. Anche questa ha bisogno di un involucro, il Corpo, per manifestarsi. Ed eccoci qui in questa dimensione materiale, che smaterializza l’energia, ci fa dimenticare l’origine, la fonte, l’unità. Ci fa dimenticare la nostra Potenza, la nostra connessione al Tutto. Lentamente, passo dopo passo, esperienza dopo esperienza, cadono I veli, le fette di salame, le illusioni, e ricominciamo a ricordarci chi siamo veramente..

La mente in tutto questo, a me personalmente che sono un Acquario – elemento Aria, gioca dei bei scherzetti. Devo ancora imparare a conoscerla, ad usarla per il mio Massimo bene.

Negli ultimi mesi mi ha fatto vivere in una sorta di illusione, quello che poi per l’Anima è in realtà questa dimensione creata. L’illusione dell’amore ritrovato, tipo film hollywoodiano adolescenziale… , e la mente si è costruita tutto… anche un amore che in realtà non c’era (!). I segnali c’erano, tanti, grossi, grossolani, I messaggi anche, ma la mia mente scartava, cancellava, intorpidiva.

Grazie ad un corso della durata di un weekend che mi ha portato a contattare a fondo l’Anima, sono stata riportata al mio Centro. Sono stata forzata ad andare al fondo di me stesssa, a contattare il mio Sè Superiore… E così sono caduti tutti I falsi, I miti, le impalcature che la mente si era creata per non affrontare la realtà. Ancora lì lei cercava di aggrapparsi, ma ormai le pareti erano diventate liscie come gli specchi.. che non voleva vedere.

E’ stato un urto, tante le lacrime e la sofferenza, ma al contempo, la liberazione e la gratitudine.

A distanza di giorni, vissuti in piena e totale gioia per la riconosciuta consapevolezza, la mente fa di nuovo capolino. Cerca di creare di nuovo sofferenza, attaccamento, dolore. E allora le ho chiesto.. ma perchè vuoi questo? Perchè non sei contenta se siamo felici? D’altronde dovremmo lavorare come un team… lo scopo dovrebbe essere unico.. Risposta… perchè così la mente-ego non ha più il controllo…. Quindi vuole immaginare sofferenza solo per essere il soggetto principale della vita.
Quante volte infatti ho letto che la sofferenza non è reale? Che è creata dall’ego? Ecco la dimostrazione…

E ci ho parlato con la mia mente… mi sono messa all’esterno, ho cercato di estraniare I due soggetti, l’Anima e la Mente, ed ho visto il dialogo. Una, che cerca di continuare la sua strada sulle alte onde dell’Amore, e l’altra che cerca di fare sgambetti a tutt’andare.

Compreso questo, dovrebbe essere compreso il trabocchetto, credo, no?

Compreso che siamo qui per gioire e vivere al Massimo del nostro potenziale, tutto dovrebbe sistemarsi, no?

Sono altresì consapevole dei movimenti planetari in atto, con un Giove in Scorpione che butta tutto in fondo alle profondità oscure nelle stanze più buie della nostra Anima. Volenti o nolenti, che ci piaccia o no, il grande pianeta in questo segno che esprime profondità ci obbliga  a questo. Ed eccoci qui infatti a portare Luce in quegli anfratti che fino a qualche settimana fa non sapevamo nemmeno dell’esistenza. Grazie allora. Continuo la mia strada e ringrazio. Ogni giorno. Al mattino e alla sera. Per ogni evento. Bello e meno bello.

E la mente, questa compagna amica-nemica che vuole a tutti I costi funzionare indipendentemente, la voglio subordinata al Cuore, all’Anima. Work in progress. Non si molla, o no… voglio il meglio per me stessa, e per il Tutto. Qui e Ora. Amen <3.