Non ci resta che pregare

Buon anno. Finalmente posso tornare a scrivacchiare qualcosa. Diciamo che non ho nè tempo, nè ispirazione, essendo che ho lasciato la mia attività spirituale, compresa di meditazioni quotidiane e letture di libri a tema, all’anno passato 😥 

Però rimango attenta a questi temi, e quando mi capita di viverli nella mia vita, mi piace condividere qui l’esperienza vissuta, e sentire le condivisioni

di chi capita per caso su questa pagina :), o di chi abitualmente ha piacere di darmi conforto con le sue parole che apprezzo sempre..

In questi primi giorni dell’anno sono presa dal nuovo lavoro (urrà! aperta e chiusa parentesi), quando quest’oggi mi giungono i messaggi allarmanti di mia sorella che preoccupata dell’andamento in casa (alti e bassi tra i miei genitori, aperta e chiusa parentesi n.2) mi informa. Ci sentiamo quindi al telefono ed i particolari sono sempre gli stessi. Non cambia nulla. Solita solfa. Soliti problemi. Solite difficoltà.
Cosa posso io fare, mi chiedo? In macchina tornando ho pregato, ho chiesto a Dio, praygli angeli e gli arcangeli che infondessero serenità in casa della mia famiglia, che innondassero di luce, amore, comprensione e compassione i loro cuori, di tutti loro.
Perchè in definitiva, più di questo, che posso fare?

Ricordo che decisi di fare il 2° livello di Reiki perchè pensavo di poter aiutare quando ero lontana fisicamente, in caso di bisogno.  Soffrivo per non poter essere d’aiuto nei confronti della mia famiglia, che puntualmente soffre di crisi “esistenziali”, niente di grave, ma … ciclicamente ognuno dà il peggio di sè LOL. Non sapevo però che non puoi intervenire se non quando ti viene chiesto espressamente.. e purtroppo sto constatando che le persone, anche quelle care, preferiscono crogiolarsi nelle lamentele piuttosto che prendersi le proprie responsabilità e farci qualcosa con i problemi che si affrontano giornalmente, soprattutto quando Dio ti ha donato dei poteri come il Reiki e una maggiore consapevolezza di te, delle energie, e del potenziale in te e nell’universo.

Quando decisi di prendere il 2° livello di Reiki, però, non sapevo quanto era forte e importante la richiesta che parte dal cuore, detta anche preghiera, che magari a qualcuno non piace nemmeno il nome preghiera perchè lo associa all’amica chiesa (se per te è amica…). La richiesta, quella onesta, calda, che parte dal cuore può essere tanto forte quanto i simboli Reiki, a mio umile e modesto avviso.

O almeno, io spero sia così.

Ho chiesto col cuore aperto tutta la serenità del mondo per la mia famiglia, qui ed ora, per sempre.

Ora sta a loro, vediamo cosa faranno. Più di questo io non posso, se loro non vogliono..

Buon anno ancora, a tutti.

Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensate di quanto ho scritto, anche se pensate che siano cavolicchiate, se vi fa piacere lasciare un commento, ne sarò grata! Grazie 🙂