Trasforma le tue debolezze in fortezze

Un saggio, un giorno, mi disse: “Creatura, trasforma le tue debolezze in fortezze!”

La mente ancora non era in grado di capire cosa intendesse, né tantomeno come raggiungere tale traguardo.

Ho terminato l’estate con un ritiro di una settimana dove ho lavorato duramente su me stessa, assieme ad altre meravigliose creature.

Il mio obiettivo per questo lavoro era semplice: aprirmi. Al nuovo, all’amore, alla verità.

Sono ormai cosciente dei miei lati ombra, o almeno di parte di essi, ed uno di questi era appunto la chiusura. In me stessa, nei confronti degli altri, totale.

L’ho sempre giudicata, maltrattata, ho fatto richieste, lavori, preghiere perché questa parte di me SE NE ANDASSE, si trasmutasse, mi lasciasse … insomma io voglio vivere apertamente per quella che sono, no!?!?

In un lavoro sugli archetipi ci propongono di lavorare sulla REGINA DI GHIACCIO.

Mai sentita.

Conoscevo, ed ho lavorato strenuamente con la mia BAMBINA INTERIORE, ma mai sulla regina di ghiaccio. Chi è? La mente che ha cominciato a saltare da una parte all’altra, in modalità scimmia-style agitatissima.

Cammino, lascio andare la scimmia… e mi esce quella bambina, 11enne, che ha vissuto il trauma del primo tentativo di suicidio di mamma.

Lei, piccina, ghiacciata, ha ghiacciato tutto, emozioni, paure, situazioni, immagini. E si è chiusa. Non è stata in grado di condividere nulla con nessuno. Per oltre 30 anni.

Solo oggi, e grazie anche alla mia psicologa, le ho fatte uscire quelle emozioni stagnanti.

E anche grazie a lei ho visto che questa chiusura, era in realtà una forma di protezione meravigliosa che mi ha fatto vivere in modo equilibrato, nonostante il fortissimo trauma subito in così tenera età.

E lì ho compreso finalmente cosa intendeva quel saggio con

“Creatura, trasforma le tue debolezze in fortezze!”

Ho sentito finalmente che non c’era più bisogno di giudicarsi, ho visto che la debolezza era in realtà una forza interiore nascosta agli occhi della mente, e … ho trasformato il mio rapporto con la mia Regina di ghiaccio.

Piccoli passi in questo lungo ed incredibile percorso di guarigione interiore.

Verso l’unità.

Insieme.

PS un saluto dalla mia Me piccina ❤

Se non ci credo io, chi può crederci?

Hai fatto una scelta, poderosa, mai fatta prima, folle, che nessuno avrebbe intrapreso intorno a te.

Hai lasciato il lavoro sicuro, ed hai creduto in quella che è stata la visualizzazione di una nuova vita, un nuovo lavoro, una nuova TE.

Le lotte sono cominciate, tra quelle sensazioni, così forti al tempo, ma così fievoli col passare di questo tempo, quando la mente e i pensieri hanno portato preoccupazioni, ansie e paure dal passato e dalle proiezioni di ciò che ti circonda.

E’ una lotta continua, ma tu continui a crederci.

Continua a crederci, sei tu il creatore della tua vita, non la tua amica che ti pone dubbi, non il tuo ex collega ipocondriaco, non quei pensieri limitanti, non quelle sensazioni negative.

Queste, tutt’al più, rappresentano delle sfide quotidiane.

Ricorda: tu SEI potente, perché il Creatore dell’Universo si manifesta in te, in ogni singolo istante, lo hai capito, lo hai verificato più e più volte, ci credi, e soprattutto SENTI che la strada è quella.

Stai ricreando un nuovo stile di vita, fatto appunto di sensazioni, non più di certezze materiali caratteristiche della tua ex vita in terza dimensione.

Non ti appartiene più quella vita, stai varcando ogni giorno un portale, una dimensione, tra quello che stai lasciando e quello che stai creando.

Ogni giorno crei. Ogni giorno sai che è fondamentale sentire e credere, in ogni minima possibilità, che TU VALI, che ogni essere vale, che le tue sensazioni valgono, e che davvero ogni cosa può essere raggiunta solo grazie alla congiunzione magica tra ciò che desideri col cuore e ciò che puoi manifestare.

Non c’è bisogno di rituali magici strani, formule o codici o lavori esoterici particolari.

Ciò che serve si trova nel tuo CUORE.

Di una semplicità pazzesca.

Il tuo cuore, dove risiede la tua anima, sa molto di più di tutti i libri che la tua mente può leggere in 1000 vite umane.

E allora fidati, fidati completamente, butta la tua testa in quel cuore, senti affondare i tuoi pensieri nel flusso del divino amore che compone ogni singola cellula del tuo amato corpo e del cosmo, e non ti preoccupare…

Ciò che è giusto per te, sia bello che “brutto” arriverà nel momento giusto, non hai visto quante volte questo sia capitato?

Quando volevi cambiare casa, la casa perfetta è arrivata.

Quando volevi cambiare vita, il coraggio che serviva per fare il salto lo hai trovato.

Quando avevi bisogno di quei soldi per quel corso, i soldi necessari sono magicamente apparsi.

Ed ogni giorno guarda le benedizioni continue che questa vita ti offre: un letto che ti accoglie, una colazione abbondante la mattina, la salute di questo corpo fisico, esperienze, persone, eventi, connessione, amore, crescita, gioia, presenza…

Ancora dubiti?

Tutto è perfetto, e se ci credi, ancora di più lo sarà…

La fede costruisce ponti impossibili

Recentemente ho visto “Edelweiss Revolution – La prova
scientifica che Dio esiste”, un film svizzero dove un gruppo di amici in pensione, attivissimi nel ’68 per la difesa dei diritti civili, si battono ora per contrastare la produzione di armi. Simpaticissimo, e consigliatissimo.

In Svizzera ci sono varie religioni ufficiali, e vari contrasti ovviamente, come dovunque, purtroppo nel mondo.

Nel gruppo di amici, c’è il cristiano che viene costantemente preso in giro dall’amico ateo, ma quando questo finisce in ospedale, l’amico cristiano spiega: la fede c’è o non c’è.

Ma se c’è, ti dona una forza inspiegabile

… e che è capace di costruire l’impossibile, là dove la mente umana non è neanche in grado di arrivare.

Ed è quello che sto vivendo in questo periodo così particolare della mia vita (infatti ne avevo già scritto), e che pare essere un tema ricorrente anche per altre persone, visto anche il periodo di forte incertezza che si sta passando con questo covid.

Ma per tornare a quanto avevo già precedentemente condiviso, voglio puntualizzare che la storia che ho riportato era relativa al profeta Elia ed alla vedova di Sarepta di Sidone, non alla vedova di Naim, e di cui ho trovato un estratto su internet che spiega in modo incredibile questo passaggio della Sacra Scrittura.

In questo passaggio si evince appunto che la visione limitante che ci dà la nostra piccola mente del nostro presente può essere sorpassata se si ha FIDUCIA nel Creatore, OGNI GIORNO (credi e troverai farina e olio ogni giorno per il tuo cibo quotidiano) e soprattutto, se si dà prima all’altro, allo sconosciuto (il profeta Elia che era andato dalla vedova per cibarsi), quel poco che si ha.

E questo discorso sulla fede e sulla fiducia va OLTRE le proprie credenze religiose, sia che uno creda a Buddha, Maometto, Gesù, agli dei dell’Olimpo, dei Celti o vichinghi oppure a nessuno.

E’ un concetto molto personale quello della fede, ne convengo. Ma io personalmente, che ho passato e passo giornate molto difficili interiormente, trovo che la fede mi dà davvero quella forza che altrimenti non troverei altrove, e che mi consente ogni giorno di svegliarmi con gratitudine ed affrontare al meglio ogni singola giornata.

Sarò debole, sarò “naif”, sarò ingenua o tante altre etichette mentali limitanti, ma è questo quello che sento, e penso non sia una mia esclusiva.