L’attacco è una richiesta di aiuto

Quando anni fa mi sono addentrata nel mondo della spiritualità, il libricino di Introduzione ad Un Corso in Miracoli mi fu subito consigliato. Sono circa 100 paginette, con concetti importanti… Gesù parla… lo Spirito Santo insegna… Lo lasciai lì, era troppo presto per me, ma ultimamente mi ha richiamato… e non a caso!

Lo scorso weekend, infatti, ho messo in pratica alcuni degli insegnamenti proposti, e mentre lo facevo ne ero anche consapevole. Per cui, voglio condividere, e spero che altri seguano il mio tentativo di portare luce e amore nella nostra quotidianità e nell’affrontare i problemi che ci si presentano.

Concetto chiave: il nostro ego rimanda la nostra rabbia, colpa, sofferenza, paura verso gli altri (il famoso effetto specchio..). Quando ce ne liberiamo?

  1. Quando diventiamo consapevoli di questo (cioè che il problema che rimando fuori, è in realtà mio)
  2. quando diventiamo consapevoli che questo problema lo abbiamo inventato
  3. quando lo affidiamo allo Spirito Santo (o agli Angeli, ai Santi, all’Universo…) che ce lo porterà via

Semplice.

Dio è semplice. Così come tutte le sue soluzioni.

L’ego è complessità… quando abbiamo i tumulti in testa… è ego. E’ separazione da Dio, dall’Amore Divino, è falsità, illusione ….

Per favore, chi ha ancora rifiuto ad accettare le parole Gesù – Dio – Spirito Santo perchè le associa alla Chiesa, faccia uno sforzo… pensi a Energie-Universo-Amore Divino… per andare oltre allo scempio svolto nei secoli passati (e alle cavolate che ancora, alcuni ometti con la tunica, compiono). Dio è più importante.

Quindi cosa è successo? Sabato sera torno a casa dei miei genitori con la mia sorellina. Papà era agitato, per motivi che non sto a elencare. No, agitato è poco. Adirato, imbestialito. Gli ho offerto dell’acqua… rifiuto infuocato. Meno male che avevo letto le parole di questo libricino che enuncia:

“.. il tuo insultarmi o il tuo attaccarmi in realtà sta dicendo: PER FAVORE INSEGNAMI CHE MI SBAGLIO, PER FAVORE INSEGNAMI CHE C’E’ UN DIO CHE MI AMA E CHE IO SONO SUO FIGLIO. Quindi ogni attacco è una richiesta di aiuto o una richiesta di amore.”

Ho invocato lo Spirito Santo, che è l’anello di congiunzione che ci riconnette a Dio… e le parole sono fluite con amore… chiedendo in primo luogo da dove venisse il dolore che lo faceva arrabbiare… e sottolineando che in questo momento lui si sentisse separato da Dio (mio padre è stato un ferreo ateo… solo recentemente, con noi che gli ronziamo intorno parlandogli di angeli, energie, amore, perdono, Gesù, Dio… etc. si sta ammorbidendo ed aprendo!).

La magia si è palesata quando lui e mia sorella si sono riappacificati. La magia dell’Amore Divino, il potere dello Spirito Santo, che, proprio come la foto stupenda che ho trovato, ha riappacificato il fuoco della rabbia e della sofferenza di mio padre.

Quindi, la prossima volta che verrai attaccato da qualcuno, ricordati che questa persona non sta facendo altro che gridare il suo dolore, che urlare la sua richiesta di aiuto! Abbi compassione, invoca Gesù e lo Spirito Santo, e il meglio per voi, per lui o lei, verrà compiuto. E se la persona che attacca sei tu… magari subito, o magari dopo… cerca di capire come mai hai attaccato, quale fosse la tua sofferenza che cercavi di proiettare sull’altra persona. Non ti viene in mente? La sera, prima di addormentarti, invoca e chiedi delucidazioni… e arriveranno!

Abbiamo tanto bisogno di imparare nuovamente a rapportarci fra di noi. Cominciamo in famiglia, dove è anche più difficile, dove le dinamiche di sofferenza sono più ancorate.

Non è facile, ma la ricompensa sarà… AMORE PURO!

Grazie per provarci!

Che le Benedizioni Divine affluiscano copiose su tutti noi!

Acquario2012

 

 

Mandare luce a chi è in difficoltà

Mi è successa una coincidenza particolare in vacanza, che infine mi ha insegnato una cosa che ci tenevo a condividere.

Aereo. Primissima fila, quella davanti alle hostess. Io da una parte, la mia amica dall’altra. C’erano, 2 ragazzi, uomo e donna, verso il centro, e chiedo a lui, se potevo sedermi al centro per stare vicino alla mia amica, mentre lui si sarebbe messo al finestrino, che solitamente è il più ambito.

Mi guarda, e con fare arrogante mi risponde: “no, anche perchè quello è scomodo!”. In effetti, per lui che era alto non era il miglior posto, ma perchè rispondermi cosi?

Io, sorpresa dalla risposta secca, per nulla cortese, mi scuso e mi siedo.

I 2 erano una coppia, e .. particolare. Molto eccentrici, pieni di gadget costosi. Lei a un certo punto si è messa a fare le unghie, e nonostante le hostess le avessero detto che non si poteva in quanto qualcuno poteva non apprezzare l’odore dello smalto, quella ha continuato. Insomma, per niente simpatica.

Al ritorno, c’erano anche loro in fila, stesso aereo, e mica era un volo charter. La mia amica mi prende in giro, “guarda i tuoi amici.. vediamo se capiti ancora vicina a loro!”. Mi siedo, dietro, ma a un certo punto, prima di decollare, la hostess si avvicina a me e mi chiede se mi posso spostare per far stare vicina una nonna a una figlia con bimbo. E dove mi siedo? Stesso posto dell’andata, vicino alla coppia!

Che coincidenza strana, mi dico…

Non ci penso, mi metto le cuffiette e ascolto musica rilassante, musica sacra, ne ho tanta nel mio cellulare.

Verso la fine del viaggio, mi viene sete, gola secca, e mi prendo una caramella al miele.

Sento una vocina: dagliela anche a lei.

Eh?

Ma anche no! Penso… sempre tutta boriosa quella..

Ripete: daglila anche a lei. E penso: ma sì.. tanto rifiuta!

E allora tolgo le cuffiette, la guardo, le sorrido, e le chiedo se vuole una caramella. Beh, ha accettato, ha sorriso, e i suoi occhi sono diventati due cuori.

A scendere dall’aereo, lui mi ha fatto passare, cosa che non ha invece fatto all’andata.

Insomma… la morale che questo fatto mi ha insegnato è che BISOGNA DARE E FARE DEL BENE soprattutto a quelle persone più antipatiche che incontriamo PERCHE’ SONO QUELLE CHE NE HANNO PIU’ BISOGNO!

Difatti se ci pensiamo, se noi siamo infelici, ce l’avremo col mondo intero, pure con gli estranei che ci chiedono un piccolo favore! Ed è quindi compito nostro, che siamo consapevoli di questo, di portare tanta luce e amore a tutte quelle persone che invece sono in difficoltà ed esprimono la loro sofferenza attraverso sgarbatezza, maleducazione, arroganza.

E’ dura, non dico questo. Ma quando lo si fa… ci si sente davvero bene.

E se leggete i testi dei Maestri, degli Angeli.. dicono che il nostro fare e dare del bene, incondizionatamente, ha un valore fortissimo per noi stessi e per il tutto! Il fare del bene, ci torna, ci torna moltiplicato all’infinito!

Sento che quel giorno ho piantato un piccolo semino di bene in quella coppia. E spero che frutterà tanto amore e bene ad effetto domino!

Buon weekend di Luce e Amore ❤ Andiamo a piantare semini di amore dovunque.. soprattutto nei cuori aridi.

Acquario2012

 

 

 

 

 

Saper fare affermazioni e richieste

E’ indubbio che se “chiedi ti sarà dato”, tuttavia dipende anche da COME chiedi…

Sia che io chieda così, tanto per cominciare bene la giornata, sia che mi trovi in una cerimonia, o comunque in un gruppo, dove quindi le energie in ballo sono molto più alte e forti e quindi le richieste vanno in quinta (se non in sesta) verso la ricezione, mi capita tanto tanto di chiedere per me, per crescere, per vari motivi, per risolvere un problema o semplicemente per chiedere maggiore chiarezza, serenità, etc.

Non sapevo, o non mi ricordavo, però che ci sono modi e modi di chiedere. E ora mi torna in mente che certe richieste non si sono avverate… e mi chiedevo perché, e pensavo, in fondo se non si è avverato, non sarà stato per il mio massimo bene.

Internet è un oceano incredibile. Una fonte di scambio di informazioni e condivisione meravigliosa. God bless (Dio benedica) il CERN che l’ha inventato, e i vari governi che hanno accettato di lasciarcelo usare!

Si trovano di tanto in tanto pagine o persone meravigliose, il cui scopo è solo quello di condividere le incredibili conoscenze di cui dispongono, solo per poter aumentare il numero di persone che possano conoscere queste informazioni, semplici quanto importanti. Facebook, con i suoi pro e contro, fa parte di questo oceano, e lì ho trovato un ragazzo, che si chiama Emmanuel Dagher. Già a guardarlo in foto sembra arrivato da un altro mondo, ma non è questo che lo rende speciale. Fa tante cose a livello energetico, ancora non ho visto tutto, lo sto scoprendo piano piano. Già la sua storia ha dell’incredibile… è del Libano, ed è nato che lì c’era la guerra, e all’età di 2 anni aveva già consapevolezza di voler aiutare gli altri! Con i poteri di manifestazione, racconta, lui e la sua famiglia sono riusciti ad ottenere una vita migliore, e presumo che ora si trovino negli Stati Uniti.

Se potete, leggete di lui, ma ciò che conta è che volevo condividere con voi la fonte della mia informazione per rassicurare che non è farina del mio sacco (ultima ruotina del carretto – anche io ho tanto bisogno di scoprire e documentarmi!), bensì arriva da un essere stupendo che col suo lavoro contribuisce a fare tanto, per tante persone. Peccato che non abbia traduzioni in altre lingue, perché altrimenti sono sicura che avrebbe 10 volte tanto i followers che attualmente ha!

Ora, arriviamo al succo del discorso. In un suo post recente (*), dà consigli su come MANIFESTARE i propri desideri, anzi ci dona una vera e propria formula:

  1. scegliere un’affermazione forte come “IO SONO, IO HO, IO CREO, IO AFFERMO, IO SCELGO, IO DECIDO, etc.”. Evitare “io voglio, io ho bisogno”. Non funzionano. Fidatevi!
  2. condividere la manifestazione desiderata (non mi è chiaro esattamente, ma credo che intenda a voce o per mezzo scritto… condividerla con l’Universo, con gli Angeli, con il proprio Sé Superiore)
  3. amplificare l’affermazione con “QUESTO O QUALCOSA DI MIGLIORE PER IL MIO MASSIMO BENE”. Questa ultima affermazione, da usare in qualsiasi richiesta, ci offre la possibilità di non limitarci a dei specifici come/cosa/dove/quando/chi che solitamente ci bloccano dall’attrarre realmente quello che desideriamo.

Poi dona un’immagine che a me fa venire il capogiro. Eccola:

Mandala di Emmanuel Dagher

Si tratta di un mandala composto da forme geometriche sacre, che, spiega Emmanuel, lavora nel subconscio e aiuta a creare benedizioni e miracoli nella nostra vita! Io l’ho subito messa sullo screensaver del mio cellulare e pc, fatelo anche voi! E’ assolutamente bellissima, non trovate? Con questa immagine in mente, ci consiglia Emmanuel di scrivere cosa vogliamo manifestare oggi, e quindi di guardare l’immagine. Ricordiamoci sempre di esprimere la nostra gratitudine all’Universo per le benedizioni che ci invierà, e se siete guidati a farlo, condividete queste informazioni con altri.

Poi, Emmanuel ci propone una sua affermazione, eccola:

IO SONO, IO RICEVO, IO CONDIVIDO ABBONDANZA DI AMORE, SALUTE, PACE, BENESSERE, PROSPERITA’ E MIRACOLI ORA E SEMPRE. QUESTO O IL MEGLIO PER ME, PER IL MIO MASSIMO BENE.

Ecco, è tutto. E’ tutto stupendo, è tutto nelle nostre mani, anzi nelle nostre menti e volontà. Attiviamoci ora. Per il nostro bene massimo.

ps: se qualcuno ha qualcosa da aggiungere o pensa che ci sia qualcosa di non corretto in quello che ho scritto (in quanto effimere traduzioni fatte da una che non è del settore!) vi prego di segnalarmelo e correggerò immediatamente!

Grazie e ….. SPREAD THE LIGHT & LOVE!!!! Amore e Luce a tutti!!!!!!!!!!!!

(*) in realtà io ho scritto queste righe la settimana passata, ma al momento di cliccare su “Pubblica” ho “sentito” che non dovevo pubblicare già…. chissà magari servirà a qualcuno in un altro momento, ho pensato… vedremo!