Change mode on!

Cosa dicevo 30 giorni fa? Che maggio sarebbe stato un super mese, con tutti i movimenti planetari che si prospettavano… (vedi post) …

Ed in effetti…

Ho scoperto il mio progetto divino ed ho contemporaneamente dato le dimissioni dal mio lavoro di ufficio!!!

E non è finita qui!

Sono straconvinta!

E nonostante stia trovando persone che mi mettono in allarme, sono davvero centrata e sicura di me stessa.

Una grande sfida.

Ma non è tutto.

Giugno, ed i prossimi 3 mesi che verrano, sono super mesi trasformativi.

Ok, siediti e prendi i pop-corn.

Avremo infatti 3 eclissi, che di per sè ci sono ogni estate, ma questa volta avvengono in periodi particolari, che ci indicano che saranno periodi di profonda trasformazione interiore e per il globo intero!

E allora vediamoli, questi movimenti planetari:

– 5/6 giugno ci sarà la prima eclissi lunare, dove avremo modo di lasciare andare blocchi e limiti interiori e riportarci alla nostra grandezza e autenticità! OLE’!
– 17/18 giugno mercurio va retrogrado, e con questo sono 5 i pianeti retrogradi, quindi saremo super stimolati ad andare a ritroso a scavare dentro, e sarà molto impegnativo.. rallentiamo, respiriamo, scegliamo col cuore, belli connessi a madre terra, passeggiate in mezzo ai bosco, etc…
– 20/21 luna nuova durante il solstizio e… altra eclissi solare! THREE  IS MEGL CHE ONE!!! Un sacco di energia FUOCO per questi nuovi inizi, per trasformare, lasciare andare il vecchio e abbracciare il meglio che deve arrivare!
– 22/23 nettuno va retrogrado, e con questo, per 48h, sono 6 i pianeti che ci aiutano a lasciare andare le illusioni e scoprire la nostra verità interiore! Seguiamo il nostro istinto!
– 24/25 venere ritorna diretto, e il nostro periodo (che ora sta accadendo) di amore e stima per noi stessi e di ritrovare il nostro valore si va radicandosi. Giorni di gratitudine!

Quindi un bel periodo davvero di trasformazioni…. !!!

Le eclissi che ci aspettano sono come quell’armadio, che abbiamo tutti, dove nascondiamo e continuamo a stipare le cose che non vogliamo vedere, che sistemeremo un giorno ma che continuamo a rimandare… e quando arriva è come se questo armadio esplodesse, e ci buttasse in faccia tutto il vecchio o scomodo che non volevamo vedere, e contemporaneamente ci obbligano a mettere ordine nella nostra vita..

Sta a noi lavorare in comunione con queste energie planetarie, tutto è possibile se lo vogliamo, e saperlo in anticipo, ci può aiutare per prepararci bene al cambiamento che si sta avvicinando.

Ed ora più che mai è fondamentale vivere ogni istante abbracciando quello che desideriamo ottenere, focalizzandoci sulle emozioni e sensazioni che desideriamo attrarre, più che pensare a quello che NON vogliamo manifestare. Perchè tutto quello che pensiamo e sentiamo si manifesta ad una velocità incredibile, credo che ce ne stiamo accorgendo!

E che il cambiamento radicale e la trasformazione abbia inizio!!!!

Lo senti anche tu che la vita sta cominciando ad avere senso??? Che tutto quello per il quale hai tanto lavorato e sofferto sta cominciando a prendere una forma, e che questa forma ti piace pure!?


Bradipo spirituale?

Allora il fatto è questo. Quante volte imparo una cosa, la riconosco, e poi non la metto in pratica? Una tonnellata di volte… e ci metto giorni / settimane / mesi per fare questa cosa mia. per portare il cambiamento necessario in me.

Me ne sono resa conto con una bottiglia di plastica.

Una bottiglia di plastica? Spiego meglio.

Non sono una che fa parte di Greenpeace, ma fin da quando sono piccola sono cresciuta con la consapevolezza che il mio comportamento quotidiano inquini questo bellissimo mondo. Da piccola compravo le golia bianche che dicevano che avrebbero salvato gli orsi polari… vabbè… innocenza infantile..

Nella città in cui vivo in Svizzera non raccolgono la plastica, solo il PET, appunto le bottiglie di plastica. Il resto va a farsi biiiip…. per me è stata una delusione incredibile, anche perchè da sola produco una enorme quantità di plastica…

Che centra con la crescita spirituale sto discorso?

Ho ricevuto l’informazione che solo il PET si ricicla. Passano I giorni / settimane / mesi e cosa compro? Bottiglie di plastica non PET! Quindi non riciclabili!

E ho quindi ricollegato la mia lentezza nel mettere in pratica quello che apprendo a livello spirituale con questo esempio.

Bradipo! Bradipa!

Ma si, mettiamola sul ridere. Diamoci tempo. Accetiamoci come siamo. Sbagliamo, siamo lenti, ma va bene così. Coi miei tempi, arriverò a comprare solo bottiglie PET. Coi miei tempi arriverò a ESSERE quello che desidero, in tutto e per tutto, al 100%, a 360 gradi.

Fino ad allora, ritenterò, senza cadere nello sconforto per aver realizzato di non essere capace, in un preciso momento della mia vita. Se non sono in grado ora, lo sarò. Basta volerlo. Sono lenta? E chi mi corre dietro?

La mia anima ha deciso di incarnarsi in un essere fisico lento? Caspita, che pazienza che deve sperimentare… ahahah, ma lo ha deciso lei!

Sto imparando ad avere compassione di me. Credo che ci stia lavorando da un annetto ormai…. da quando mi sono usciti tutti I miei limiti, lì alla luce del sole, dove non potevo nasconderli, dove non potevo semplicemente rifletterli sugli altri. Accettare quello che sono, anche se voglio il cambiamento. Lo so, è un concetto difficile, ma sento che è quello che voglio. Plasmare il mio essere, nell’accettazione. Io ho fiducia, poi il Creatore, lo so , compie sempre, ogni giorno, costantemente, miracoli. E io voglio partecipare attivamente a questi miracoli.

Cambia te stesso, e cambi il mondo

Quante volte lo abbiamo letto, sentito e risentito?

Nel mio piccolo, voglio portare la mia testimonianza di questa verità.

Come ci sono arrivata… spiegarlo non è semplice.

Contesto: il lavoro, l’ufficio, le relazioni con amici / colleghi, la gestione della routine quotidiana, la frustrazione di sentirsi in gabbia, di avere molto di più da fare / dare.

Era il 2016 e mi sentivo in catene. Contemporaneamente, tutto ciò che era l’ufficio mi rimandava a qualcosa di negativo: le persone, le attività che svolgevo, il tempo si fermava e mi sentivo soffocare. Ogni giorno arrivavo in ufficio chiedendo la protezione di San Michele, mi bardavo di pietre di protezione, recitavo mantra… Avrei potuto fare una lista di metodi per proteggersi, anzi avevo già il post pronto. Ma non servono…

Conseguenza: uno stato pessimo mi ha accompagnato per un anno. Il 2016 è stato durissimo, anche per questo.

Il 2017 è iniziato con un out-out da parte del mio capo. O cambi, o sei fuori. Anche lui, austero e freddo manager, si era accorto della mia chiusura e addirittura all’incontro annuale di fine anno, mi aveva scritto: “Deve essere più positiva”. Che smacco! A me… che da anni contemplo la legge dell’attrazione, il pensiero positivo, e tutto il resto che viene.

Da lì, da quel portare consapevolezza a questi avvenimenti, sia interiori che esteriori, qualcosa è cambiato.

Complice una vacanza solitaria in mezzo alla natura, agli animali, mi sono riconnessa. Tornata al grigiore dell’ufficio, alla negatività dei colleghi, alle basse energie della città, ho cambiato qualcosa DENTRO. Innanzitutto, chiedendo perdono ai colleghi che non avevo compreso, o che avevano fatto da specchio alle mie innumerevoli mancanze, che non avevo voluto cocciutamente vedere per oltre un anno.

Poi ho cominciato ad apprezzare la singola attività che svolgevo, ripetutamente, ogni giorno.

Ho cominciato a scrivere ogni giorno su un’agendina 3 cose di cui essere grata. Anche quando la giornata era stata “banale” le cose saltavano fuori.. che sia il cibo mangiato, il tramonto visto, il guadagno di una giornata di lavoro, la serenità vissuta.

Mese dopo mese mi sono accorta che… stavo meglio.

Magia?

La consapevolezza del grande cambiamento interiore mi è venuta confrontandomi con un’amica. I classici incontri davanti ad una bibita a fare il resoconto della propria vita. Lei era rimasta alle mie continue lamentele riguardo alla quotidianità in ufficio. Con sorpresa, la aggiorno sul cambiamento. “E cosa è cambiato in ufficio? Svolgi nuove attività?” … no … semplicemente credo di essere cambiata dentro … Come, cosa, perchè, non so spiegare bene, ma esternamente è tutto uguale. SONO CAMBIATA IO.

E ora non chiedo più protezione, perchè so che non serve.

Ora mi rendo conto, nella realtà, oltre che sui libri, che sono io che mando fuori quello che ho dentro. Non più frustrazione, emozioni negative, pessimismo, lamentela. Ma gioia, serenità, amore, anche se gli altri non sono cambiati, anche se la routine è sempre la stessa. Ho messo in pratica ciò che ho letto per anni. E si sta…. DIVINAMENTE!

Come ho riportato ultimamente, contemporaneamente, mi sono avvicinata molto alla preghiera e alla parola di Gesù. Mi sono resa conto che lui, 2000 anni fa, enunciava gli stessi concetti di fratellanza, amore, perdono, misericordia, qui e ora, che si leggono nei tanti libri sull’argomento risveglio (molti dei quali di fede atea o buddista o quant’altro, ma comunque contrari alla fede cattolica). Chi meglio di lui ci può accompagnare, allora, in questa fase? Consiglio vivamente di avvicinarsi a lui, ascoltando il vangelo disponibile su youtube, e ricordarsi che il singolo prete, alla comunione, si trasforma in lui, e si spoglia del suo ego e delle sue brutture umane. A proposito: la comunione vale come un grandissimo e potentissimo rituale che può purificare e aiutare per qualsiasi problema… disponibile ovunque e gratis! Che vogliamo di più??? Solitamente, i vari “cerchi sciamanici”, “gruppi di meditazione”, “gruppi di guarigione energetica”, “attivazioni reiki” e chi più ne ha ne metta, sono cari come l’oro (quando non dovrebbe essere così.. visto che chi li pratica dovrebbe aver ottenuto quel tal potere gratuitamente… dallo Spirito!). Ognuno faccia le sue scelte. Io propongo la mia testimonianza, e poi .. chi ha orecchie intenda 😉

Infine, mi sento di dire che mica sono arrivata! Ancora ho da lavorare, lavare via da me vecchie attitudini e schemi mentali. Il viaggio di risveglio che stiamo compiendo e un lavoro work-in-progress costante, lungo una vita, ma credo l’importante sia cominciare da qualche parte.