Settembre, le energie cambiano

Signore, che mese quello di agosto!

Solo io ho sentito un sospiro di sollievo il primo di settembre?

Leggo ogni giorno dei vari pianeti che si incrociano sopra I nostri cieli, cerco di comprendere cosa stiano confabulando, dove ci vogliono spingere … il più delle volte mi incasino, perchè leggi 10 persone diverse, e hai 10 visioni diverse di Saturno, Plutone, Luna, etc.

A sto giro mi pareva però fossero tutti concordi: le eclissi, soprattutto quella (a mio avviso orribile) di fine luglio, ci hanno buttato nella centrifuga emozionale, ci hanno spiattellato I nostri inconsci, le nostre spazzature.

Io penso di esserne uscita devastata. Non mi riconosco.

Giusto 2 mesi fa ero tutto un “trallalero-trallalà!”, la vita è magica, la vita la creo io …..

SBUMMMMM! Fermati e guarda bene! Guarda bene cos’hai dentro!????

Che marciume, ragazzi…. madre…. quanto…. e il bello è che non lo vedevo! Quante lacrime, quanta sofferenza….. ma quanta consapevolezza….. Cammino spirituale: e ti immagini tipo zen a meditare e a prenderti il meglio, l’amore, la gioia, la serenità. E invece… spala la tua schifezza, vivi il tuo dolore, ammetti che non sei ancora arrivata, anzi ce n’è e ce ne sarà chissà ancora quanto!

E come sempre quando sei nel buio non riesci a tirarti fuori, provi a meditare, nisba, respiri consapevoli, nada, invocazioni, preghiere, nulla riusciva ad aiutarmi. La sera poi era il panico, non riuscivo a dormire, troppo pesante quello che era uscito, troppe situazioni, persone coinvolte, non ci stavo dentro, zero assoluto.

L’unico modo che mi ha portato un minimo di serenità in tutto sto tsunami emotivamente marrone (che poesia, eh!), è stato di accettare quello che era uscito. Ok, sono sta roba. Lo accetto. Lo ammetto. Ed è stato subito pace… e mi addormentavo in poco.. ma che lotta! La mente ogni volta mi cercava di portare lì, sui miei passati inganni, distorsioni, illusioni che provocavano egoismi e manipolazioni varie. Sui miei innumerevoli passi falsi. Basta! li accetto! Ho sbagliato, che poi non è uno sbaglio, fa parte della mia storia, dovevo passare per quel tunnel, dovevo far male a quella persona, dovevo crearmi tutta sta storia. Ed ho cominciato a vedere che sì, in effetti ero sta roba. Ed ho riconosciuto anche quando la mente mi voleva fregare, e mi sono fatta fregare, le ho dato questo permesso.

Non cerco più di deresponsabilizzarmi, anzi cerco di starci dentro a sta roba. Alla codardia del non fare, la non-azione che ha portato devasti. Dio non vuole I tiepidi, ma vuole che avanziamo, costantemente, continuamente! Ed io mi sono accorta che durante I primi 8 mesi di questo anno, mi sono adagiata sul mio trespolo e ho aspettato… vaneggiando nel mio “star bene” fasullo. Ed ho imparato che questo star bene fasullo è il primo segnale d’allarme che mi indica che qualcosa di fondo non va!

Ripeto, fino a 4 giorni fa stavo ancora riprendendomi. La botta è stata per me epocale… questo agosto 2018 non me lo scorderò per tanto tempo ..  Ma tant’è, senza cadere, senza farsi male, non si impara e questo l’ho imparato già a 6 anni imparando ad andare da sola in bici.

Mano a mano che scongelavo la situazione, I messaggi erano gli stessi… affidati. Sì, ho riconosciuto che anche questo patume era una benedizione. Lo è, davvero. E difatti, ieri giro il calendario, e svelo il messaggio di settembre:

affidarsi

Ora con questo settembre si sta meglio. Però ci vado un attimino leggera.

Primo perchè la lezione l’ho imparata, e non mi va più di farmi / prendermi ste docce gelate.

Secondo perchè devo rielaborare un’enciclopedia di roba. E ci vuole tempo, ma non ho voglia di perdere più tempo, cavolo siamo a settembre, 4 mesi e siamo al 2019! Forza, forza, spala, spala…. lavora, accetta, ammetti, rilascia, vivi!

Sì, vivi….. più leggera, più consapevole. Avanti, Avanti tutta, se non mi ha spezzato questa volta, sarò più forte……

Parla alla tua mente

Siamo fatti di corpo, anima, mente. Dal Tutto, dallo Spirito veniamo, ci incarniamo ed abbiamo bisogno di un involucro, l’Anima. Anche questa ha bisogno di un involucro, il Corpo, per manifestarsi. Ed eccoci qui in questa dimensione materiale, che smaterializza l’energia, ci fa dimenticare l’origine, la fonte, l’unità. Ci fa dimenticare la nostra Potenza, la nostra connessione al Tutto. Lentamente, passo dopo passo, esperienza dopo esperienza, cadono I veli, le fette di salame, le illusioni, e ricominciamo a ricordarci chi siamo veramente..

La mente in tutto questo, a me personalmente che sono un Acquario – elemento Aria, gioca dei bei scherzetti. Devo ancora imparare a conoscerla, ad usarla per il mio Massimo bene.

Negli ultimi mesi mi ha fatto vivere in una sorta di illusione, quello che poi per l’Anima è in realtà questa dimensione creata. L’illusione dell’amore ritrovato, tipo film hollywoodiano adolescenziale… , e la mente si è costruita tutto… anche un amore che in realtà non c’era (!). I segnali c’erano, tanti, grossi, grossolani, I messaggi anche, ma la mia mente scartava, cancellava, intorpidiva.

Grazie ad un corso della durata di un weekend che mi ha portato a contattare a fondo l’Anima, sono stata riportata al mio Centro. Sono stata forzata ad andare al fondo di me stesssa, a contattare il mio Sè Superiore… E così sono caduti tutti I falsi, I miti, le impalcature che la mente si era creata per non affrontare la realtà. Ancora lì lei cercava di aggrapparsi, ma ormai le pareti erano diventate liscie come gli specchi.. che non voleva vedere.

E’ stato un urto, tante le lacrime e la sofferenza, ma al contempo, la liberazione e la gratitudine.

A distanza di giorni, vissuti in piena e totale gioia per la riconosciuta consapevolezza, la mente fa di nuovo capolino. Cerca di creare di nuovo sofferenza, attaccamento, dolore. E allora le ho chiesto.. ma perchè vuoi questo? Perchè non sei contenta se siamo felici? D’altronde dovremmo lavorare come un team… lo scopo dovrebbe essere unico.. Risposta… perchè così la mente-ego non ha più il controllo…. Quindi vuole immaginare sofferenza solo per essere il soggetto principale della vita.
Quante volte infatti ho letto che la sofferenza non è reale? Che è creata dall’ego? Ecco la dimostrazione…

E ci ho parlato con la mia mente… mi sono messa all’esterno, ho cercato di estraniare I due soggetti, l’Anima e la Mente, ed ho visto il dialogo. Una, che cerca di continuare la sua strada sulle alte onde dell’Amore, e l’altra che cerca di fare sgambetti a tutt’andare.

Compreso questo, dovrebbe essere compreso il trabocchetto, credo, no?

Compreso che siamo qui per gioire e vivere al Massimo del nostro potenziale, tutto dovrebbe sistemarsi, no?

Sono altresì consapevole dei movimenti planetari in atto, con un Giove in Scorpione che butta tutto in fondo alle profondità oscure nelle stanze più buie della nostra Anima. Volenti o nolenti, che ci piaccia o no, il grande pianeta in questo segno che esprime profondità ci obbliga  a questo. Ed eccoci qui infatti a portare Luce in quegli anfratti che fino a qualche settimana fa non sapevamo nemmeno dell’esistenza. Grazie allora. Continuo la mia strada e ringrazio. Ogni giorno. Al mattino e alla sera. Per ogni evento. Bello e meno bello.

E la mente, questa compagna amica-nemica che vuole a tutti I costi funzionare indipendentemente, la voglio subordinata al Cuore, all’Anima. Work in progress. Non si molla, o no… voglio il meglio per me stessa, e per il Tutto. Qui e Ora. Amen <3.

Perché è difficile amare se stessi?

Qualche giorno fa ero a fare la spesa in compagnia di un’amica, che a un certo punto si è fatta prendere dallo sconforto.. guardando una giovane coppia, lei in tuta, trasandata ma con due occhi a forma di cuore, totalmente disinteressata del suo look esteriore, perché c’era lui! Amata, spensierata, disinteressata…

Sono single da un pezzo. Questo stato mi ha portato a vari cambiamenti, interiori nonchè esteriori, e a capire che..

.. se sto bene, è a prescindere da un lui che mi fa sentire più o meno bella

.. se sto bene, è perché io sento di essere stupenda anche se non me lo dice nessuno.

No, non mi manca la persona che di fianco mi rende con i suoi occhi e complimenti AMATA e adorata.

Sto imparando infatti ad AMARMI da sola, nei miei piccoli difetti, nelle mie insicurezze. Non dico che sia semplice, ma la strada è quella. Sennò perchè sto vivendo questa esperienza? Credo proprio per questo: IMPARARE AD AMARMI!

Ma perché è così difficile amarsi? Perché questa persona ha vissuto quel momento di nostalgia (e immagino che non sia la sola)?

Risposta (easy): non si ama. E perché?

Perché crede ancora di aver bisogno della conferma esterna, un lui qualunque che le dica quanto è speciale, anche se esce in tuta a fare la spesa una domenica pomeriggio.

Invece, l’amore per noi stessi, per questo tempio sacro che è il nostro corpo, dovrebbe essere incondizionato e partire appunto da noi VERSO NOI in primis!

E non solo per il nostro corpo fisico… per l’essere meraviglioso che siamo, per ogni singola cellula del nostro corpo, della nostra mente, per il momento epocale che siamo venuti a vivere, e per il lavoro ciclopico che stiamo compiendo su noi stessi, sui nostri antenati, sul nostro pianeta.

I AM BEAUTIFUL, dice Christina Aguilera in una sua famosa canzone, cercando di andare oltre a stereotipi che tv, media, e società ci profilano. Sei forte se vai oltre a questi. Allora lì vinci. Forte, perché di forza si deve parlare quando ti trovi a scontrarti faccia a faccia con i giudizi di chi punta il dito sulla tua scarpa fuori moda, su qualche kilo di troppo, o sul modo strano di porti alla vita (ovvero non conforme agli standard – ma di chi?!). Sei adolescente, e allora sono cavoli amari.. Essere forti in quel periodo è dura, se ce la fate, e spero proprio, Generazione Arcobaleno, mi inchino a voi!

Se hai superato la fatidica soglia dei “teen”, e sei riuscito a fortificare l’anima sbattendotene dei giudizi altrui, puoi riuscire a vivere bene.

E non buttarti giù perché senti nostalgia di un partner… no, amica… non ti vuoi ancora bene. E invece devi volertene, e tanto. E se ti manca qualcuno che ti dica che sei bella: dittelo tu stessa allo specchio! Lavora sull’autostima!

Presa dall’ispirazione, ho cercato delle affermazioni per l’autostima  , ne ho scelte 44 (numero angelico!), ho cercato delle immagini ad alto contenuto vibratorio, ho fatto un collage e…. è nato il primo video di Acquario2012 su Youtube! HAPPYNESS 😀 (fatemi sapere cosa ne pensate, please!)

Altri link utili che potrebbero interessare:

Io consiglio di trarre da queste liste quelle che più risuonano a noi, e poi scriverle, o ripeterle con il registratore dello smartphone e ascoltarsele mentre si va a scuola o lavoro o in giro con il cane. Meglio ancora: creare le proprie affermazioni positive! Farsi guidare dal cuore… Qui una guida su come creare le proprie affermazioni positive

Qualsiasi cosa iniziamo, proviamo a praticarla almeno per 21 giorni (i maschietti) e 28 giorni (le femminucce): in questo modo comunichiamo efficacemente alle nostre sinapsi, alla nostra mente, alle nostre cellule, alla nostra anima … e queste registrano tutto ben bene nel profondo, dove serve…. non basta ripetere le affermazioni un giorno. Ci vuole impegno! E se non lo facciamo per noi stessi, per chi!? Suvvia, 7min del vostro tempo, ogni giorno, lo riuscite a trovare per voi stessi!?

Amiamoci, perchè solo grazie a noi stessi siamo quello che siamo, dove siamo, e nella situazione attuale. Che può migliorare, solo migliorare. Perché tutte le esperienze che passiamo, ci portano sempre uno scalino più in alto.. sul percorso della nostra meravigliosa vita.

Un abbraccio di Luce,

Acquario2012