Video: buoni propositi per il 2019

… per la serie, non si √® mai troppo tardi per … ūüėČ

Negare l’evidenza

Qualche settimana fa parlavamo con un amico, una persona dolce, estremamente sensibile, ma facilmente influenzabile da eventi e persone. Eravamo in 3 a parlargli del Reiki e di energie, di coincidenze e destino.

Lui ci racconta questa storia, da rimanere a bocca aperta.

E’ un ragazzo atletico, sportivo che adora la natura. Anni fa con un amico esperto si avventurano con bussola e mappa (no gps!) per le Alpi liguri alla ricerca di un rifugio per alpinisti da passare la notte. Siccome il tempo in montagna cambia rapidamente, i 2 vengono sorpresi da una tormenta di neve, nonostante fosse settembre. Passano ore camminando (immaginiamoci la fatica, la stanchezza, la preoccupazione… soli in mezzo a delle montagne nel nulla!) in mezzo alla neve. Tutto sembra uguale… diceva “chiss√† quante volte abbiamo fatto lo stesso giro!”. Intanto i 2 avevano anche litigato, e quindi erano quasi rimasti da soli in questo cammino stancante (non potevano fermarsi da nessuna parte, era pieno di neve).

Poi, un fischio. Da una casetta, un grande cervo che sostava dentro la porta sull’uscio, ha richiamato il mio amico, il quale dalla stanchezza e disperazione, continuava chino ad andare avanti … non accorgendosi di questo antico rifugio della finanza. Il cervo ha richiamato la sua attenzione, in breve lui e l’amico sono entrati e sistemati per passare la notte, che nel frattempo era arrivata.

Il mio amico, nonostante questo incredibile evento, non credeva che non potesse essere successo A CASO! Anzi, volendo razionalizzare, sosteneva che l’animale si fosse spaventato (quasi 2 metri di animale, corna comprese!). Noi eravamo allibiti, meravigliati: la natura, i deva del bosco e della montagna, quel cervo gigante AVEVA AIUTATO 2 PERSONE IN DIFFICOLTA’! Non avrebbero passato la notte ūüė¶ …!

Quando poi gli abbiamo chiesto… “ma tu per caso hai chiesto aiuto?”… Lui ingenuamente, quasi come un bambino che √® stato scoperto, ha risposto “b√®, s√¨ … ho pregato intensamente tutto il tempo, chiedendo alla montagna di aiutarmi”!

E vagli a far capire che NULLA SUCCEDE PER CASO! Che le preghiere vengono risposte! Che la montagna √® un Deva e ha una sua anima! Che le energie chiamano altre energie…. troppa roba, probabilmente, e questo mio amico si rifiutava di aprire gli occhi e negava l’evidenza .. probabilmente non √® il suo tempo, non √® il momento giusto per lui… ma che frustrazione, un

cervo

esempio tanto lampante, e negare l’esistenza di questo mondo, che seppur parallelo, √® qui, visibile, presente, con noi, e per di pi√Ļ ci aiuta!

E’ una bella storia che volevo condividere… ancora ogni tanto ci penso, e vedo quell’immagine di un cervo dentro la casupola diroccata che fischia e chiama il mio amico infreddolito, disperato e con la neve fino alle ginocchia…

Che bello…