Energie e luoghi

Ho finito di leggere un libro (l’ennesimo :P) di Giuditta Dembech chiamato “Luoghi magnetici e di potere” che parla di come ascoltare le energie della terra e individuare le correnti energetiche che come canali passano nel sottosuolo affiorando in punti ben determinati..

E’ molto interessante, e ho trovato stimolante i consigli che l’autrice dà per “captare” le energie dei luoghi..

Per esempio, quando parla di sostare nei luoghi in silenzio (quando possibile), e cercare di ascoltare le pietre, dai più piccoli sassolini che potrebbero essere stati calpestati dal Santo che ha frequentato il luogo, alle lastre di pietre che coprono il monumento… Entrambe hanno assorbito un sacco di energia di Luce, entrambe hanno visto  e sentito cose che, si dice, potrebbero raccontare a chi sosta col cuore aperto… Oppure quando racconta delle forti energie e vibrazioni che una tomba di un santo può emanare… insomma mi ha fatto vedere questi luoghi, fino ad ora solo turistici, in modo diverso.

Tra l’altro si tratta di energie che, come nel caso di quelle negli scavi archeologici greci, hanno origine 2000/3000 o più anni fa… e nonostante questo sono ancora attive! Talmente l’energia del posto è forte!

A tutti, più o meno nella vita, capita di andare a vedere chiese, monumenti, attrazioni turistiche più o meno conosciute. In questo libro la Giuditta racconta non solo come addentrarsi in queste energie, andando oltre alla facciata, a ciò che il “comune” turista potrebbe solo vedere, ma racconta anche nel dettaglio del canale di luce o energia che dall’Inghilterra, dal sito di Stoneage attraversa la Francia, TUTTA L’ITALIA, passa per la Grecia per poi arrivare a Gerusalemme, città sacra per eccellenza.

Due anni fa io ebbi l’opportunità di andare in vacanza in uno di questi luoghi che si trova su questa linea di Luce, ovvero a Monte Sant’Angelo (provincia di Foggia, sta sul Gargano), dove il grandissimo Arcangelo Michele ha innondato di Luce la grotta nei pressi del piccolo centro città (ne scrivevo qualche tempo fa di questa esperienza). Lì per lì quelle energie le equiparai ad una sbornia, nel senso che mi girava la testa e il corpo era pesante, quasi a seguire dei flussi misteriosi … che fanciullesca ingenuità! Sì perché ero una neonata, ed ora sono una bambina del risveglio spirituale.

Il libro della Giuditta ha scatenato in me la voglia di sentire e ricercare queste energie, e proprio il passato weekend ho avuto la fortuna di andare in un luogo mistico. Non si trova sulla linea di energia che viene descritta nel libro (che per onor di cronaca passa da Torino, al centro Italia dove stavano gli antichi Etruschi – popolo misterioso e potente – passando per Roma, fino al Gargano), ma tant’è… l’energia c’era e l’ho avvertita.

Come racconto nel mio post precedente, sono andata a Venezia e per la prima volta (LOL) visito la basilica di San Marco. E per la prima volta, o quasi, sono entrata in un luogo sacro con una nuova consapevolezza, cioè sapendo che c’erano delle energie che potevo ascoltare.. ma ascoltare in questo caso non era con le orecchie, indaffarate poverine a tenere a bada i rumori della tanta gente che si accalcava nel luogo, ma si è trattato di ascoltare col cuore… e il cuore ha vibrato, oh sì … ho sentito un calore in mezzo al petto dolcissimo bellissimo che le parole non sanno descrivere.

Poi ho chiesto “vi prego indicatemi il luogo dove scorre l’energia” (perché la basilica è E N O R M E e bellissima, e ci si può perdere facilmente in mezzo a tanta bellezza… è tutta d’oro!) e istintivamente sono andata verso la tomba del santo. Si deve pagare 2 euro perché c’è una pala grande non so quanto (sparo 2 mt per 5 mt, su wikipedia non si dice) tutta d’oro incastonata da tantissime pietre preziose. Ma l’energia mica veniva da quella… l’energia che confluiva dalle mie mani era attirata alla tomba del santo che si trovava dietro alla pala, quindi il turista era attratto da quel luccicare (proprio bello sì) mentre il vero tesoro stava dietro…

Peccato non sia stato possibile sostare in pace e silenzio. Troppa fretta ci accompagna costantemente, ed essendo con altre persone, ho dovuto proseguire rapidamente. Nel cammino verso l’uscita ero in fase di gratitudine acuta 😀 gratitudine per avermi concesso l’opportunità di essere QUI ed ORA, ovvero lì e in quel momento, nonché l’opportunità di sentire quelle energie che spero possa condividere con voi e con tutti..

Uscita dalla basilica mi sentivo leggera, contenta, di una contentezza da film… come ad avere le stelline che ti girano intorno alla testa per la felicità, di che cosa poi non so!

Un weekend di Luce!

Questo weekend che arriva sarà un autentico weekend di Luce! Meravigliosa, divina, purificatrice Luce! Da approfittare, un pò come i saldi

Innanzitutto, ci sarà il plenilunio della costellazione del Toro.

Nella notte tra il 5 e il 6 maggio è atteso infatti un fenomeno astrologico particolarissimo che riguarda la Luna.

Il nostro satellite ci apparirà più grande del 14% e molto più luminoso per via della sua posizione: domani la Luna sarà infatti nel suo perielio – punto più vicino alla terra – e, nello stesso momento, sarà in plenilunio.

Sarà un momento ideale per ripulirci della negatività. Pertanto riporto la meditazione di Doreen Virtue per beneficiare della luce meravigliosa della Luna in questa notte.

 

E non dimentichiamoci che sarà soprattutto il weekend del Wesak. Ecco un video esplicativo direttamente di Giuditta Dembech.

E quindi non dimentichiamoci di recitare la Grande Invocazione 🙂 e vedi il post precedente quindi.

Che Luce, Amore e Potere scenda su tutti noi!

E che sia per tutti un fantastico week-end!!!!

Abbracci di Luce!!!!!!!

Risvegliati e scorri!

Ho appena terminato di guardare dei video bellissimi sulla legge di attrazione e in generale il risveglio spirituale che è in atto in ognuno di noi. Ripropongo quindi i pensieri e concetti che maggiormente mi hanno colpito e che spero di contribuire a diffondere.

  • Primo: questa evoluzione spirituale a cui noi tutti (credo) stiamo puntando e lavorando, passettino dopo passettino, nasce da un evento semplice, quanto difficile da attuare: accorgersi delle proprie mancanze, o volgarmente difetti.

Questo, tra l’altro, vedi la coincidenza, è un esercizio descritto nel libro Penso Positivo di Giuditta Dembech che consiglia, ogni sera prima di addormentarsi, di chiedersi cosa si è fatto/detto che poteva essere fatto/detto in modo diverso, analizzando a ritroso la giornata cercando di capire dove potevamo dare di più, fare meglio… In questo modo, via via che si fa questo esercizio si dovrebbero delineare le nostre mancanze… Da stasera lo provo!

Su questa onda, una frase mi ha colpito:
E’ MEGLIO ESSERE OTTIMISTA ED AVERE TORTO, CHE ESSERE PESSIMISTA ED AVERE RAGIONE.

  • Secondo: si enfatizza l’importanza e il potere della GRATITUDINE e del SORRISO. Altro compitino da fare, sempre tra di noi, nel nostro lettino, ma la mattina questa volta, è ringraziare e farlo anche col sorriso. Si emana una vibrazione di luce che ci ritorna magnificata! Oltretutto, aggiungo io, il sorriso è da elargire in quantità spropositate durante la giornata, a chiunque, in qualsiasi situazione, soprattutto la più difficile ed imbarazzante!
  • Terzo: il risparmio genera povertà (diverso da parsimonia). Scoprire che risparmiare 5 centesimi sulle zucchine mi faccia diventare povera, devo dire che mi ha colpito assai. Come anche dire “Questo costa troppo” lancia un messaggio subliminale al nostro inconscio che spinge verso la povertà. Se costa, c’è un perchè, e se tu non lo compri, è perchè non ne hai bisogno, non perchè è caro, altrimenti lo compreresti, viene detto…
  • Quarto: dire “non me lo merito” dovrebbe essere cancellato dal nostro vocabolario. No no no.Sempre su questo ambito: non bisogna pensare a ciò che NON si vuole, piuttosto occorre PENSARE A CIO’ CHE SI VUOLE. Qui la Legge di Attrazione è @ work (in funzione).
  • Quinto: auto-affermazione super carina: “Faccio cose che mi fanno EVOLVERE”.
  • Sesto: e questo mi ha colpito perchè lo sento spesso, anche da gente che consideravo in modo positivo… Dire “sono circondato da gente brutta, perfida, maligna” equivale a dire che io sono brutto, perfido e maligno. Vale la legge dello specchio (così l’han chiamata). Mamma mia. Freud @ work.
  • Settimo: dimentichiamo i paragoni. Se io ho quello che ho in questo momento, è perchè quello che ho mi serve per compiere il mio scopo divino. Così vale per gli altri. Dimentichiamoci dell’invidia.
  • Ottavo: se ti rubano un oggetto, augura il bene al ladro. PERDONALO. Anche il perdono ha un potere immenso.

Ci ricorderemo di tutti questi (pochi, se consideriamo la vastità) consigli per incamminarci, passettino dopo passettino, verso il cammino spirituale?

Almeno proviamoci!!!!

Buona giornata a tutti!