Autolesionismo

Cara anima che leggi, Buon Natale, spero tu lo abbia passato in maniera serena e gioiosa, così come tutti gli auguri che ti sono arrivati tra facebook e whatsapp e quant’altro..

Però oggi sono qui a scriverti di qualcosa che va all’opposto del tema classico natalizio, e la ragione è che varie persone mi hanno fatto pensare a questo argomento. E, come sempre, lo specchio è stato luminoso. Inoltre, considerando il periodo (oggi c’è l’ultima eclissi solare dell’anno) c’è da meditare parecchio…

Autolesionismo. O, anche, non volersi bene. Nelle varie forme, dalle più aspre alle più sottili, comunque sono manifestazioni di dolore interiore molto forte, che uno ne sia consapevole o meno.

Una persona che mi invita al suo compleanno, una persona che ha passato gli ultimi 3 mesi in un ospedale psichiatrico, una persona quindi che aveva bisogno di un affetto vicino, è anche quella stessa persona che si è data desaparecida proprio nella sua giornata di festa, per poi uscire con un messaggio laconico di scuse vie whatsapp. L’invito per Natale, è altresì passato inosservato…

Un’altra persona che è lontana per scelta dalla famiglia, un autolesionista per autodefinizione, un filosofo del dolore, che proprio ora, a Natale, si è perso nei meandri della sua sofferenza. Anche qui, zero voglia di aprirsi.

E altre, che sentite per gli auguri, si auguravano che questi 2 giorni finissero il prima possibile. Ci sta, gente, soprattutto se si hanno risvolti non proprio armoniosi nelle proprie relazioni.

E cosa dire di tutti i visi estranei, tristi e solitari incrociati per strada il 24 dicembre?

Cosa mi tocca?

Ogni volta che mi ributto nel mio piccolo personale pozzo di sofferenza, preferisco starci da sola, piuttosto che andare in giro col megafono a piangere alla luce del sole. Sono tante le persone amiche che mi spronano a lasciarmi andare soprattutto in quei momenti, ma in qualche modo non ho voglia, la “robaccia” è mia, e non voglio quasi inquinare l’altrui campo aurico. Sono troppo rispettosa, sotto questo punto di vista.

Però, è anche vero che se ci vuoi stare giù, nel tuo buio, è una tua scelta, come tutto del resto.

E prendersi la responsabilità delle proprie azioni o non azioni, è diventato un mio lait-motive, un valore che ha scalato il mio ranking personale, ultimamente.

Tutte le esperienze che ho vissuto, soprattutto in quest’ultimo anno, hanno fatto si che riuscissi a vedere, a vivere a pieno l’illusione di queste manifestazioni di dolore. Come il lutto per il mio amato partner felino, o per la mia amata zia, che hanno risvegliato in me l’osservatore che da lontano vedeva una me gemente, che gioiva nel suo dolore. Ma questo fa parte del vecchio, quel vecchio che noi tutti siamo qui a scardinare, un pezzo alla volta.

L’eclissi di oggi sembra parlare proprio di questo, un altro pezzo, o pezzettone, da guardare, ringraziare e lasciare andare. Perchè il percorso di di miglioramento interiore, spirituale o meno che sia, parte da questo: osservare con occhi esterni, ringraziare e andare avanti. Con cuore più leggero, maggiore consapevolezza e serenità d’animo.

Ecco, il mio augurio per te che leggi è proprio quest’ultimo. Realizzare e portare a manifestazione la parte migliore di te, osservando quello che è stato, ringraziando per ogni esperienza vissuta, soprattutto quella di dolore, e incamminarsi verso questo 2020 con una nuova e radiante energia di gioia e completezza.

Buon Natale, Anima cara.natale eclissi

Per ultimo, mi permetto di condividere l’omelia di Padre Giuseppe sulla nascita di Gesù, dove parla appunto di presa di responsabilità, ruoli, potere, servizio, e amore di Gesù.

Dov’è l’amore?!?!?!

Ma lo avevate notato? Il testo di questa famosissima canzone dei Black Eyed Peas è assolutamente super fantastico e super attuale….. eccolo qui il testo, se non è spettacolare, ditemi voi!!!

Dov’è L’Amore?

Cosa non va nel mondo, mamma?

Le persone si comportano come se non avessero una madre

Credo che non possiamo più fare a meno di eventi drammatici, siamo solo attratti da quello che ci può provocare un trauma

negli altri paesi si che cerchiamo di fermare il terrorismo ma i terroristi ci vivono ancora qui negli Stati Uniti, la grande CIA, i teppisti, le sette occulte e il Klu Klux Klan

Ma se ami solo la tua razza allora lasci spazio solo alla discriminazione

e la discriminazione crea solo odio

e quando si odia si finisce con l’arrabbiarsi

e la follia ne è la conseguenza

ed è proprio così che funziona la cosa,

c’è bisogno d’amore solo per iniziare a sistemare tutto

dobbiamo essere padroni della nostra mente, meditare

e lasciare tutti che le nostre anime gravitino attorno all’amore

Gente che uccide gente che muore

i bambini che soffrono, li sentiamo piangere

vogliamo mettere in pratica le teorie che predichiamo o preferiamo porgere l’altra guancia?

padre padre padre aiutaci

mandaci un segnale dall’alto che ci serva da guida

le persone mi fanno, mi fanno riflettere e pensare

dov’è l’amore? (amore)

dov’è l’amore? (l’amore)

dov’è l’amore? (l’amore)

dov’è l’amore?

(dov’è l’amore, l’amore, amore mio?)

Non è più la stessa cosa

con tutti i cambiamenti

i nuovi giorni sono strani, il mondo è impazzito?

se l’amore e la pace sono cosi forti

perché i pezzi dell’amore non s’incastrano?

i paesi buttano le bombe,  i gas tossici riempiono i polmoni dei bambini e le sofferenze continuano mentre i giovani sono giovani e allora, poniamoci la domanda, l’amore è davvero scomparso?

e allora posso chiedermi veramente che cosa è andato storto in questo nostro mondo continuiamo ad arrenderci e a prendere le decisioni sbagliate guardando solo il nostro profitto personale, senza rispettarci, negando il proprio fratello

C’è una guerra ma i motivi sono nascosti

la verità è tenuta nascosta e messa nel dimenticatoio

se non si conosce mai la verità non si conoscerà mai l’amore

dov’è l’amore, tutti… (dai, io non lo so)

dov’è la verità, tutti… (dai, io non lo so)

e dov’è l’amore, voi tutti?

Gente che uccide gente che muore

i bambini che soffrono, li sentiamo piangere

vogliamo mettere in pratica le teorie che predichiamo o preferiamo porgere l’altra guancia?

padre padre padre aiutaci mandaci un segnale dall’alto che ci serva da guida

le persone mi fanno, mi fanno riflettere e pensare

dov’è l’amore? (amore)

dov’è l’amore? (l’amore)

dov’è l’amore? (l’amore)

dov’è l’amore? (l’amore?)

Dov’è l’amore? (l’amore)

Dov’è l’amore? (l’amore)

Dov’è l’amore? (l’amore) (dov’è l’amore, l’amore, amore mio?)

Sento il peso del mondo sulle spalle mentre invecchio tutta la gente diventa più fredda

la maggior parte pensa solo a fare soldi

l’egoismo ci sta portando a seguire la direzione sbagliata

i media ci comunicano le notizie sbagliate

dare un’immagine negativa è la prerogativa

contaminando le giovani menti più velocemente dei batteri

i ragazzi vogliono imitare quello che vedono nei film

dove sono finiti i valori umani?

dove sono finiti la correttezza e l’uguaglianza?

invece di spargere amore spargiamo animosità

da questa nostra posizione portandoci lontano dall’unità

ed è per questo che a volte mi sento sopraffatto

ed è per questo che a volte mi sento giù

Non mi meraviglio se a volte mi sento sopraffatto

devo tener vivo il ritmo finchè l’amore non si trova

ora chiedetevi (Dov’è l’amore? Dov’è l’amore? Dov’è l’amore? Dov’è l’amore?)

Sia fatta la Tua volontà, non la mia

svoltaParole solenni, quasi da chiesa, eh? Ma non spaventiamoci, anzi… sono proprio queste parole che, credo, mi abbiano consentito di dare la svolta.

Sono settimane che cerco di comprendere il perchè delle illusioni che sono stato oggetto costante del mio 2013. E soprattutto, di come poterle individuare e scartare quindi..

Ho passato l’anno a ripetermi che non volevo tornare a lavorare in ufficio, che anzi volevo la vita alternativa fatta di shiatsu e vendita di prodotti di benessere. Ci ho provato con tutta la mia volontà, facendo il mio meglio, almeno credo, ma a parte delle grandi illusioni che si presentavano, fino al mese scorso, non ho mai concluso niente. E la delusione è stata amara quanto una cicoria cotta (ci sta un sorriso, eh?!).

La svolta, vediamo come è arrivata, perchè infine la svolta è arrivata. Ce n’è voluto per capirlo, lavorarci, chiedere e fare che così avvenisse.

Primo, capire che stavo sbagliando. All’ennesima delusione, ho alzato bandiera bianca. Ed ho cominciato a pregare, e a svuotare il cuore e la mente, facendo tanti lavori di meditazione e col pendolo (lavoro che sto imparando con il corso di pulizia dell’aura che ho menzionato la settimana scorsa). Leggendo libri che avevo ma erano messi lì in un angolo. Rivelatori.

Quindi tanto lavoro mio interiore.

Poi, ho come lasciato cadere i miei desideri, le mie intenzioni e ho detto “Sia fatta la Tua volontà, non la mia”, rivolto a Dio, che sento ed è dentro di me, come in ognuno di noi, ed in ogni sorta di vita in questa meravigliosa Terra.

Cosa succede? Una vibrazione dal cuore, che divampa verso l’esterno.

Credo sia un mantra potentissimo. Così lasciamo spazio all’intervento Suo, senza interferenze del nostro Io Inferiore, della mente, senza cagate varie, scusate la volgarità.

E in questo pacchetto c’è sempre tanta Fiducia, tanto Amore, tanta Umiltà. E consapevolezza che tutto quello che sono e faccio, è grazie a Lui (o Lei, ma tanto il sesso non è importante, a mio avviso).

Sto imparando, voglio imparare con umiltà, e spero queste parole possano tornare di aiuto a chi può averne bisogno.

Il 2014 è alle porte, e si prospetta un grande nuovo anno.

Per ora, che Luce Amore e Potere ristabiliscano il Piano sulla Terra, e su tutti noi.

bello