Ci basta essere l’1%

Le coincidenze non esistono.

PUNTO.

Annoiata, vado su Prime Video (quello di Amazon) e mi prende un film dal titolo interessante: “Close Encounters of the Fifth Kind: Contact Has Begun”.

Parla dei Fratelli delle Stelle, cosidetti UFO, ET, Fratelli Galattici, insomma dategli il nome che vi pare (ma se non mi sbaglio di tutti i nomi non gli piace per niente essere chiamati ET, quindi rispettiamoli!).

Parla di come i governi siano a conoscenza della loro esistenza e di come li stiano contrastando da oltre 50 anni nonostante le loro intenzioni siano le più nobili ed alte mai viste qui sul pianeta Terra, se non attraverso gente del calibro di Gandhi, Buddha, Gesù…

Addirittura, i nostri governi li vedono come una minaccia, percui il tentativo di contrastarli, sia militarmente (e parte una gran risata da pubblico di Zelig) sia “socialmente”, e qui Hollywood ha giocato un ruolo fondamentale a metterci in testa di quanto brutti e cattivi possano essere.

Menzogne, chiaro, con fine manipolatorio, altrettanto cristallino.

Ma ragioniamo: se mai ci fosse un interesse a distruggerci (che poi ci stiamo pensando per benino noi da quando giochiamo a chi ha la bomba atomica più grossa), non lo avrebbero già fatto?

Vabbè, fino a qua, niente di nuovo.

Il tipo che parla in questo film documentario ne sa, e parecchio. Un tale Dr. Steven Greed.

Comincia a parlare di coscienza, oltre che di fisica quantistica, e di come possiamo contattarli. Lui è da anni che li contatta, fotografa, e via dicendo. Infatti ci sono miriadi di video di vari dischi e altre robe strane nei cieli, oltre che i famosi cerchi nel grano.

E anche fino a qui, niente di nuovo.

Comincia a parlare poi di dimensioni. Loro sono ovviamente esseri avanti miliardi di luce rispetto a noi, non solo tecnologicamente ma anche a livello di evoluzione spirituale.

Loro sono esseri che VIVONO le più alte dimensioni, anche ben oltre la quinta.

Bellissimo quindi considerare che tutto il lavoro che stiamo facendo per aumentare le nostre frequenze e ancorarci finalmente alla 5D, per lasciare la 3D materiale che ben conosciamo, sia anche funzionale per ESSERE con loro, viaggiando con il nostro corpo astrale.

Come?

MEDITAZIONE, baby………. That is the key!!! La parola magica!!!!!!!

E ovviamente, tutto quello che c’è a contorno: pensieri positivi, lavoro sulle ombre, sgancio dai traumi di 3D.

Ok, non è roba di poca cosa, ma ci siamo imbarcati ormai su questo tragitto, INSIEME.

E’ possibile.

Un ultimo punto interessante: il Doc cita uno studio sull’argomento  coscienza / consapevolezza / potere collettivo. Cita questo studio che in una città di 200.000 abitanti sono stati selezionati 2000 individui, quindi l’1% di quella popolazione, e sono stati richiesti di praticare meditazione. Non so per quanto o che tipo, ma chissenefrega. Il risultato è quello che conta: diminuzione della criminalità, incidenti, o robe del genere negative. Ovvero incremento delle vibrazioni dell’intera collettività!

Quindi, per far sì che finalmente si compia l’ASCENSIONE del nostro pianeta, e dire addio a tutto quello che è malato di questa società, ci basta raggiungere quella minima piccolissima percentuale! Che corrisponde a circa 75 milioni di persone…….

Fai parte di questo numero già??? Io credo, spero ardentemente, di sì!!!

L’effetto entanglement poi darà l’effetto tsunami al resto delle anime che sono pronte per il risveglio!

E via che si parte poi con la giostra più bella mai vista in qualsiasi vita abbiamo vissuto (almeno qua, sulla Terra 😉)

Gioiaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa ❤

Noi siamo delle Galassie…

Una meditazione profonda (*).

Uno stato d’essere completo. Assorto. Diretto con la Fonte.

Sento:

“Ogni persona è una GALASSIA, il cui cuore rappresenta il SOLE, e tutti i chakra il resto dei pianeti”.

Ohibò, che mi passa per la mente, penso dopo che sono uscita da questo viaggio intenso?

Ma sono meravigliata ed estasiata da questo pensiero…

Passano i giorni, su un sito vedo il libro “Telos 3 – I protocolli della Quinta Dimensione” che ho letto 2 o 3 anni fa. Sono andata a riprenderlo come attratta da questo libro.

Leggo:

“Il primo passo (verso la Quinta Dimensione) è quello di imparare a chiedere a voi stessi chi siete e quale sia il vostro sistema di credenze, ma non dall’insicurezza dell’ego o dalla mente più bassa. ….. Solamente se la domanda è stata posta seriamente e sinceramente, la risposta arriverà”.

I giorni successivi sono stati giorni di perdita di fiducia in quanto la risposta, che mi era già arrivata in precedenza, non fluiva alla mente.

Ma il punto non è tanto scoprire chi siamo, ma piuttosto… perchè ti devi sfracellare la mente dietro a discorsi elucubratori mentali inutili?

Cosa è importante? Sapere? O essere? E se la tua risposta è la seconda, quanto perde importanza la domanda di partenza? Chi o cosa sono non importa. Darmi un nome, una forma, un limite, è solo una perdita di tempo ed energia.

Ancora dei giorni. Una delle tante anime già in Quinta Dimensione che condividono la loro esistenza qui in questo momento e collaborano affinchè l’Ascensione del Pianeta avvenga quanto prima, conferma la visione avuta:

“You are the Galaxy. You are the Milky Way. You are the Costellations” dice Eldora nel suo post su Facebook che condivido, e che consiglio a chiunque di seguire. Insomma, ogni dubbio cessa di esistere.

Gratitudine nell’essere. Nel vivere questa esperienza fisica di Ascensione.

(*) la meditazione profonda è partita con la Preghiera del Cuore che descrivo qui. Consigliatissima.

Vivere l’istante con l’amore sacro

Nella meditazione sento il tuo amore, Signore.

Sento quella vibrazione scorrere nelle braccia, lungo la colonna vertebrale, sale intorno alla testa.

Sento che sei in me.

Le barriere cedono.

L’illusione del distacco ha una fine.

Torno a casa.

È questione di un attimo, o di un tempo infinito.

In effetti, non interessa, passa in secondo piano.

Cessano le paure, i pensieri scimmia-style.

Sento pienezza. Sento calore. Sento estensione.

Calma.

Sei tu. Sei tu?

Sono io. Te in me. Il tutto cosmico.

E quando riapro gli occhi, e torno nel mio corpo solido, fatto di ossa, muscoli, nervi, dolori, cellule, casini.. si torna alla dura realtà della terza dimensione.

E ritorno a sentire l’ansia, la paura, la confusione, la scimmia riprende a urlare.

E allora penso: sarà meglio passare tutta la giornata a meditare, allora!

Si può?

Passare la giornata ad occhi chiusi?

Ma tu Signore sei in me. Mi reggi, mi sei vicino, mi conforti.

E quando sono in questo stato di perdita completa della serenità, in questa tempesta solitaria pazzesca, so che tu ti fai ancora più vicino, per darmi forza, energia, amore ancora e ancora di più.

Ho compreso Signore che sono qui per crescere. In effetti mi sento bimbetta di qualche anno, coi codini e i denti da latte. Ma mi sento anche che non sono sola. Anche se non vedo bene so che ci sono i miei angeli, le mie guide e anche maestri e maestre ascesi. Chissà, un giorno il mio terzo occhio si riaprirà pienamente e allora potrò magnificare il mio essere con queste visioni.

Attendo con fiducia, se è per il mio bene supremo.

Grazie di darmi questa possibilità, fatta di qualche istante infinito, di sentirti pulsare in questo amore fecondo che sei tu, Signore: amore eterno in tutti noi…

Chiudo gli occhi nuovamente. Nuovamente ti sento. Riapro gli occhi e… la magica sensazione di amore pieno e intenso continua!

E un nuovo impeto nasce: vivere ogni singolo istante in questo amore generoso come un fiume fresco di montagna.

Ogni pensiero, gesto, parola possa nascere e fluire da questa ondata carica di meravigliosa e intensa fluidità colorata di amore.

Così sia.