Da oggi adoro I martedì!

Per chi lavora Monday to Friday (da lunedi al venerdi) il martedì è una giornata da super noia… lontano è il weekend passato ormai, lunga è la settimana davanti con tutti gli impegni e doveri che incombono….

Ma da quando ho scoperto delle Fiamme di Dio, ovvero energie che fluiscono in particolare in determinate giornate della settimana…. martedì mi piace un sacco!

fiamme

Ho scoperto di queste fiamme e flussi energetici nei libri di Telos, di cui avevo scritto già del primo volume. Adoro questi libri, I messaggi arrivano al cuore e forniscono utili strumenti per il risveglio delle coscienze. Ci stanno aiutando su più fronti, davvero… bello rendersene conto.

Ed ecco quindi che in questi libri ad ogni fiamma corrisponde una meditazione.. che porta ad un tempio dedicato, dove si può ricaricarsi e rilasciare le proprie scorie … insomma un gran bel dono!

Viene caldamente consigliato di praticare queste meditazioni, che durano 15min circa (me le sono registrate io, col cellulare ormai c’è la possibilità…), ogni giorno… percui ogni giorno, mi sveglio, mi stiracchio, do da mangiare ai gattoni, e poi mi accocolo sul divano e mi metto la meditazione corrispondente al giorno e alla fiamma che è più potente in quella particolare giornata. Ebbene, oggi, martedì, ha preso un altro colore, nonostante il buio, il vento, la pioggia. Mi sono ricaricata dell’Amore Divino! Che dono!

E domani? Mercoledì… vedo di guarirmi qualche piccolo acciacco, che c’è sempre, con la Fiamma della Guarigione, visitando il Sacro Tempio di Giada a Telos…. gente, è meraviglioso…. e si sa, visitando con il proprio corpo eterico, I benefici sono tangibili, anche se non materiali, if you know what I mean 😉

Quindi: se non avete ancora comprato il libro Telos, vi consiglio di leggerlo… è meraviglioso, loro sono meravigliosi, e ci sono tanti doni che aspettano di essere aperti, anche prima di Natale!

E se qualcuno volesse le meditazioni, mi contatti, che ve le mando via whatsapp… che si fa prima!

Buona giornata, con la Fiamma di Amore di Dio! ❤

 

 

Insegnamenti del Buddha

Finendo di leggere il libro “I Maestri e il Sentiero” trovo questi insegnamenti del Buddha che vuoi per mio desiderio di ricordarli e in qualche modo tenerli, vuoi per condividerli, sono a trascrivere qui.

Questi 8 insegnamenti fanno parte della Via che conduce allo Scampo dal Dolore, dove il Nobile Ottuplice Sentiero può essere applicato a tutti i livelli (non solo i Maestri).

1. Giusta Credenza: non si tratta di fede cieca, ma è conoscenza dei fattori dominanti della vita. Esempio: comprendere che lo scopo della nostra vita è il progresso e che la Volontà di Dio è che cresciamo migliorando e diventando sempre più nobili. Altrimenti, c’è infelicità.

2. Giusto Pensiero: pensare a cose giuste, avere pensieri belli, buoni, gentili ed elevati, pensieri di simpatia e di aiuto. Questo ci aiuta anche a dominare la nostra mente. Mai pensieri errati, dubbiosi o maligni.  Inoltre pensare corretto, soltanto la verità. No a malelingue, parlare male di un’altra persona rafforza il male. Il discepolo pensa: “Che cosa posso fare affinchè la mia vita rassomigli a quella del Maestro? Come posso migliorarmi tanto da manifestare la bellezza del Signore a quelli che mi sono attorno? Che cosa posso fare per eseguire il Suo lavoro di aiutare gli altri?”.

3. Retto Parlare: uguale al pensare, parlare sempre di cose buone, utili, gentili, sincere e mai parlare male di altre persone, o parlare di cose sciocche.

4. Retta Azione: pensiero, parola e azione si susseguono necessariamente. Se pensiamo sempre a cose buone, certamente non parleremo di cose cattive, perchè noi diciamo quello che abbiamo in mente; e se i nostri pensieri e le nostre parole sono buoni, l’azione che ne segue sarà buona. L’azione deve essere pronta e ponderata. Dobbiamo imparare a pensare rapidamente e ad agire con prontezza. Inoltre le azioni che compiamo devono essere disinteressate, mai guidate da considerazioni personali. Ciò è difficile, quasi un potere da conquistare. Dobbiamo pensare solamente al modo di aiutare gli altri e mettere da parte ogni considerazione personale. Non dobbiamo pensare quale sia la parte del lavoro che preferiremmo fare, ma dobbiamo cercare di eseguire nel miglior modo possibile quella che ci è assegnata. Dobbiamo tener presente che il nostro pensiero, la nostra parola, la nostra azione sono POTERI dati a noi per servircene, e del cui uso siamo responsabili. Tutti questi poteri devono essere usati per il servizio, se li usassimo altrimenti mancheremmo al nostro dovere.

5. Giusti Mezzi di Sussistenza: un lavoro che non produce alcun danno a un essere vivente (no macellaio o pescatore, ma anche venditore che truffa). Dobbiamo comportarci con le persone così onestamente come vorremmo che esse si comportassero con noi.

6. Giusto Sforzo: non dobbiamo accontentarci di essere buoni, ma dobbiamo fare positivamente del bene. Sono tante le persone bene intenzionate che pure non concludono nulla. Dobbiamo indirizzare il nostro lavoro in direzioni utili, evitando ogni sperpero, anche di tempo. Dobbiamo guardarci intorno per vedere dove i nostri sforzi potrebbero riuscire più utili.

7. Giusto Ricordo/Memoria: si tratta della memoria delle passate incarnazioni, ma per noi che non possiamo ricordare significa consapevolezza di noi stessi. Dobbiamo ricordare chi siamo, quale sia il nostro lavoro, il nostro dovere e cosa dovremmo fare per il Maestro.  Inoltre Giusto Ricordo significa anche scelta ragionevole di cosa dobbiamo ricordare: cattiverie, sgarbi, maldicenze, sono sciocchezze che non dovremmo ricordare perchè ci darebbero solo cattivi pensieri. Piuttosto, dovremmo dimenticare il male ricevuto e perdonarlo.  Infine noi tutti abbiamo commesso errori che dobbiamo ricordare per non ricadervi, altrimenti il continuare a pensarvi, non è giusta memoria.

8. Giusta Meditazione/Concentrazione: non si riferisce solo alla meditazione regolare che facciamo come parte della nostra disciplina, ma significa pure che in tutta la nostra vita dovremmo concentrarci sullo scopo del fare del bene e di essere utili e soccorrevoli. Inoltre, è possibile vivere una vita di meditazione dove le cose superiori sono così fortemente presenti nel fondo della nostra coscienza da prendere istantaneamente il primo posto. Così avremo sempre la mente occupata da elevati e nobili argomenti. Infine ricordiamo che dovunque andiamo siamo circondati da legioni di esseri invisibili, angeli, spiriti di natura, e uomini che hanno deposto i loro corpi fisici. La condizione di Retta Concentrazione attirerà tutto il meglio di questi vari ordini di esseri, così che ovunque andremo saremo circondati da buone e sante influenze..

Immergiamoci nella natura!

E’ estate. Caldo, sole, vegetazione rigogliosa, colori, fiori, alberi all’apice della loro bellezza. Ed energia… Passiamo un po’ di tempo vicino a loro, soprattutto se viviamo nelle città e ci chiudiamo in luoghi chiusi a respirare la gelida aria dei condizionatori….

Proprio questa settimana ho letto a questo proposito, e li vorrei proporre qui come fonte di, spero, ispirazione e coinvolgimento.

Il primo pezzo viene dal sito www.stazioneceleste.it e riporta, attraverso canalizzazione, un messaggio importantissimo a mio avviso del maestro Sanat Kumara.

«Io, Sanat Kumara, Signore della Terra, vi insegno a utilizzare le ricchezze della Terra. Vorrei insegnarvi a non camminare in mezzo alla Natura distratti da pensieri oppure distratti dalla bellezza di un particolare sasso, o di un fiore, o di una pianticella, o di un filo d’erba, ma a soffermarvi e, mandando un’onda d’amore a un albero, a un filo d’erba, a un fiore, a un frutto, chiedere che questi vi concedano l’utilizzo – limitato nel tempo – delle loro vibrazioni, le vibrazioni del fatto che esistono. Allora veramente riuscirete a partecipare alla Natura che vi circonda. Ho accennato solo alla natura minerale e vegetale, ma anche gli insetti, anche l’acqua, l’atmosfera, tutto l’insieme … l’importante è avvicinare con grande amore e rispetto queste singole manifestazioni del mondo vegetale e del mondo minerale.»

Il secondo pezzo che mi permetto di condividere parla di meditazioni con gli alberi, dal sito www.meditare.net. Che bello, mai pensato prima, vero? Eppure queste creature non sono esseri immobili, finti e incapaci di dare e ricevere… al contrario…

“Presentatevi, aprendo il vostro cuore, e chiedete se siete i benvenuti. Aspettate un po con la mente sgombra. In seguito trovate il vostro posto e fate ciò che vi sentite di fare. Rilassatevi, mentre il vostro corpo entra in sintonia con il campo energetico dell’albero. La cosa migliore, certe volte è abbracciare il tronco o sedersi con la schiena appoggiata ad esso. la vostra colonna vertebrale è il più importante canale di energia, il vostro “albero della vita” personale e non può rimanere insensibile se la mettete in contatto con la corteccia. Quando sentite che il contatto è stato completo, ritiratevi dolcemente. Ringraziate sempre l’albero. E quando vi allontanate, sorridete!”

Io quest’oggi chiudo i battenti del mio piccolo blog, e torno fra una settimana. Spero di mettere in pratica quanto più possibile questi consigli, in quanto andrò in un luogo con una natura rigogliosa e piena di storia: un’isola greca del Dodecaneso.

Dobbiamo ricaricarci, amici, e migliorare le nostre energie in vista del 21/12/12. Facciamolo, e facciamoci aiutare da Madre Natura.