Il pozzo della Trasmutazione

Ero in meditazione.

I soliti pensieri da scimmia rompiballe che non mollano. Paure, paranoie, tutte insieme.

Poi vedo uno scopino per pulire la polvere, e mi passa tutto il corpo, e pulisce, pulisce, pulisce.

Ne esce un bel pò di polvere nera, che accuratamente raccolgo con un raccogli polvere. Mi dico: voglio trasmutare tutta sta robaccia… Padre, te la dono, trasmutala, ti prego!

Ed ecco un pozzo, e butto dentro tutta la polvere nera.

fuoco artificio cuoreE BUM! Fuochi d’artificio a forma di cuore, unicorni, stelle, orsi del cuore, mandala colorati!

Tutto trasmutato!

Ho continuato con fare da chirurgo. Prima le paure, e via col radar ai reni. Il cuore, le emozioni. I pensieri. Ad un certo punto sono spuntati cacciavite e martello, giuro. Altro che scopino, altro che polvere. Via lastre di ferro, acciaio che mi coprivano tutta.

Ed ogni volta buttavo, ed erano fiumi di cuori……fiumi di cuori Ogni volta che buttavo mi sentivo più leggera, ed un venticello si faceva sentire… ed ero in un luogo chiuso…

Poi alla fine ho invocato lo Spirito Santo, cantando la RUAH, parola ebraica sacra che attiva velocemente lo Spirito Santo appunto. Per riempire il vuoto creato con roba buona, si intende. Brividi…

Che meraviglia. Da dove è arrivato tutto  ciò? Bho… ma mi piace condividerlo…

 

Emozioni, pensieri ed energie negative

giudittaIl periodo è di quelli tosti, non per tutti spero, e quando è così trovo sollievo ed aiuto nella meditazione, nelle affermazioni positive, nelle richieste agli angeli, nei libri.. e proprio ieri sono stata attratta da uno dei primi libri che ho letto in tema spirituale: “IO PENSO POSITIVO” di Giuditta Dembech, per me equiparata alla Doreen Virtue come importanza e qualità dei messaggi che manda attraverso i suoi libri. Lo consiglio vivamente a tutti.

In questo libro lei dà consigli pratici su come rimanere positivi, ed incomincia in primo luogo a descrivere cosa succede nella situazione opposta.. ovvero quando proviamo emozioni, pensieri ed energie negative… a me fa rabbrividire, poi vedete voi come prenderla…

Semplicemente, tensione, tristezza, paura, preoccupazione, sofferenza, ansia, stress, etc. consumano la nostra energia vitale.

In queste situazioni siamo incapaci di comprendere i messaggi che arrivano, in quanto c’è questa cappa oscura che impedisce alla Luce di giungere a noi ed aiutarci.

La nostra aura, che è fatta di colori luminosi, si sporca. Ogni pensiero ed emozione si riflette in essa, generando un determinato colore o vibrazione.

Addirittura, quelle emozioni come sconforto, mancanza di fiducia o di speranza, il pensiero lesionista e distruttivo liberano nell’ambiente forme viscide, compatte e persistenti… quelle energie negative non vanno via, rimangono anzi. Ce ne accorgiamo quando entriamo in casa di qualcuno e c’è un’aria… tetra? E troviamo le persone nervose, abbattute o depresse?

Attenzione anche alle parole che usiamo: come le emozioni ed i pensieri, anche ciò che diciamo crea una vibrazione che permane, positiva o negativa che sia..

fiammellaIn tutto questo ci ricorda Giuditta che per ritornare a risplendere, abbiamo bisogno anche solo di una piccola fiammella che riesce a spezzare la tenebra più fitta! Infatti.. “Come la luce che il montanaro vede nell’oscura valle dalle vette, ogni pensiero luminoso della vostra mente brillerà ed attirerà l’attenzione dei Maestri che vegliano” dalle lettere dei Mahatma

Cosa fare allora per contrastare questa negatività:

  1. desiderare di migliorare: se non lo vuoi tu, nessuno lo vorrà
  2. sii meno aggressivo e indispettito con gli altri anche se rispondono male, trattali con amorevolezza, come se fossero dei bambini
  3. perdona per i torti subiti: guarisci
  4. scopri la gioia: rende simpatici, magnetici, attraenti
  5. quando ti guardi allo specchio dì a te stessa “sei bellissima”: passi un messaggio a tutte le tue cellule e sarà memorizzato ed assorbito a livello fisico e psichico
  6. scrivi i tuoi pensieri, prendi un diario e tieniti aggiornata di tutti i cambiamenti, pensieri, intuizioni..
  7. sorridi, sii gentile, disponibile, ascolta ed aiuta: il sorriso è un’ottima ginnastica per i muscoli del viso, ancora di più per i muscoli dell’anima..
  8. medita ogni giorno (come? clicca qui)
  9. concentrati a dire sempre più affermazioni positive: invece di “mi scoppia la testa”, prova con “ho lavorato molto, ora sono stanca e devo riposare così sarò di nuovo in forma!”
  10. nel letto prima di addormentarti pensa “Giorno dopo giorno tutto nella mia vita migliora”
  11. sii grata per ciò che possiedi
  12. benedici col pensiero cose, persone e circostanze
  13. stai lontana da persone negative
  14. ascolta musica che ti carica!
  15. balla!
  16. canta!
  17. cammina in mezzo alla natura
  18. in caso di situazioni di forte stress e bisogno, chiudi gli occhi, fai un respiro lento, posa le mani sulle ginocchia e dì “forte, calma, sana” (e ripeti con calma)
  19. VISUALIZZATI con una piccola luce dorata che splende sulla tua fronte ed una rosa rosa che splende sul tuo cuore. Ora vedi una sfera di luce colorata che si avvicina a te, è iridescente, multicolore, bellissima, luminosa. Si avvicina e illumina la tua fronte e il tuo cuore. Senti il benessere che ti sopraggiunge.
  20. Infine dì con convizione “Io sono un guerriero di luce, le forze oscure non passeranno, non gli permetterò di avvicinarsi!”

E ricordiamoci …. dentro di noi ci sono le energie di Luce in grado di sconfiggere l’oscurità e tutte le emozioni, pensieri ed energie negative.

guerriero di luce

Cambiamo la vibrazione dell’acqua

Qualcuno conosce Masaru Emoto? Io non lo conoscevo, fino a quando non ho letto delle sue teorie. E siccome stavo leggendo un libro a tema spirituale (Fisioterapia spirituale per la schiena di Tanja Aeckersberg, molto consigliato) e non un libro scientifico, sono rimasta molto colpita e ho messo subito alla pratica le sue teorie. Sì perchè come al solito il mondo scientifico attacca chi propone nuove teorie alternative (su wikipedia la presentazione di Emoto non è infatti da premio nobel… anzi!).

Emoto è uno scienziato giapponese che afferma che l’acqua assorbe le vibrazioni delle parole, dei pensieri e della musica. Per cui se mettiamo un’etichetta con parole positive il suo cristallo si trasformerà in un forme meravigliose. Le parole, o anche la musica, possono cambiare la frequenza e le vibrazioni dell’acqua producendo un effetto salutare. E’ vero anche l’opposto: quindi pensieri, parole e musiche negative (heavy metal…) possono danneggiare il cristallo fino a ridurlo ad un ammasso di cellule incomposte che sono più vulnerabili ai batteri.

Qui riporto un breve video da youtube sulla sua attività (e così diamo anche un volto a questo Masaru!)

Il prossimo video spiega chiaramente le comparazioni tra acqua che ha avuto un contatto con vibrazioni positive e negative.

Incredibile, vero?

Io devo dire che sono rimasta colpita e ho cominciato a rimuginare “come posso attaccare delle etichette” “ma poi sarà scomoda berla la bottiglia”, quando una bottiglietta ce l’ho sempre con me a lavoro e … lampo di genio mi metto con la mia pennina a scrivere 4 brevi parole sulla sua etichetta pubblicitaria: amore, serenità, pace, gioia. E devo dire che mi sono subito sentita meglio…. chiamalo effetto placebo, come vuoi, ma è sempre e comunque un effetto benefico a livello mentale, quanto meno!

Poi a casa ho fatto lo stesso. Quelle che riporto non sono foto pubblicitarie dell’acqua fiuggi, ma è capitato che ho preso queste perchè fossero le uniche di vetro tra centinaia di plastica… quanta plastica che buttiamo ogni giorno! Ho detto basta e ho preso queste.. poi le riempirò!

E a casa, le mie bottiglie d’acqua ora saranno tutte con queste parole bellissime. E per me già solo l’idea di bermi dell’acqua con delle più alte e positive vibrazioni… mi fa stare bene!

L’autrice del libro, Tanja, dice che il gusto cambia. Di provare ad assaggiare l’acqua prima e dopo (tempo 10 min). Ecco io e non ho il palato così fino, ma…… è così semplice, tentar non nuoce no?

E’ possibile anche scrivere su un foglio tutte le nostre bellissime frasi positive e porre la bottiglia su di esso. I biglietti curativi energizzeranno e dispenseranno l’energia positiva alla nostra acqua che berremo.

Cosa ne pensate?