Cosa volevi diventare da grande?

Leggi un libro, e ti colpisce una semplice domanda: cosa vuoi fare da grande? chiesto a un gruppo di bambini.

E la mente mi porta ai banchi di scuola, la elementare, col banchetto color verde chiaro militare, le sedie di legno che ti rovinano le calze e sono scomodissime, I temi che le maestre ti facevano scrivere..  chissà che fine hanno fatto quei temi! Cosa darei per leggerli ora….

Cosa volevo diventare da grande? ….. Dopo 30 anni, ho realizzato il sogno di quella bambina?

Ovviamente no..

Il mio sogno era davvero lontano dal potersi realizzare, ed era anche legato ad una passione del mio papa, in realtà, che mi aveva attaccato la sua passione per la formula uno, si proprio quella delle grandi sfide Ferrari e McLaren, dove si corre a 300 km/h e si è invincibili.. (a parte l’anima buona di Sienna).

Ricordo quindi che al tema indugiai se scrivere questo difficilissimo obiettivo, ed invece optai per un più calmo e pacato ruolo del gelataio. In effetti chi non ama il gelato quando è bambino (e non solo?!?).

Perchè parlo di sogni? Perchè ho bisogno di realizzarli. Ma prima di tutto ho bisogno di capire qual’è il mio sogno, perchè fra tanti casini, parole, eventi della vita quotidiana, fatti ovviamente di emozioni da far fluire, traumi da guarire, passato da dimenticare, crescita interiore da fiorire, mi sono col tempo dimenticata cosa davvero mi appassiona, e cosa vorrei fare da grande.

Sì, anche perchè se sono quasi ai 40, mi sento che ancora la vita mi può dare meraviglie, ma ho anche capito che sono io l’artefice di queste meraviglie. Il tutto da solo non si può manifestare, l’Universo collabora con noi al 50%. Il resto, sta nelle nostre mani.

E poi … una lettura ed una semplice frase, ti manda in stallo. Cosa volevi fare da grande? E mi immagino la mia bambina interiore totalmente affranta per quello che ho fatto, che sono diventata. Ma come!? Non giochi? Ma insomma!? Non ti diverti!? E allora perchè lo fai!?!?!? Eh….. sai le bollette non si pagano con le risate, le altalene, il gelato, lo zucchero filato, ma vallo a spiegare ad una bimbetta nata negli anni 80 ….

Oppure sono io, adulta, affranta, robotica, che non sento più quella spinta che mi portava a sporcarmi nel fango pur di gioire, correndo a perdifiato per liberare tutti a nascondino, buttandomi anche se non sapevo dove sarei finita! Quella era fiducia! O ingenuità? Senza giudizio, senza giudizio… sbagli? va bene lo stesso… l’importante è dare tutta te stessa, in quello che fai, fallo col cuore.

I sogni son desideri. Ma so anche che la mente è un potentissimo strumento creativo. Non ho dubbi su questo. E basta che mi focalizzo su un qualcosa, e quello, se è giusto, avviene.

Ma c’è anche un’altra cosa. Non pongo me stessa al centro del mondo. Pongo l’altro. Non faccio per me, ma per il prossimo. E so che il Cielo guarda giù ed opera, anche se non lo vedo. Attendo, cercando di schiarire il cuore, non la mente, per connettermi con la Divina Volontà. Poi mi scanso. E lascio che accada…..

I sogni son desideri

 

Dall’estate scorsa che voglio creare qualcosa, fare qualcosa di utile per gli altri, per il prossimo, che vada oltre il lavoro standard chiusa in un ufficetto a fare cose che non hanno senso, che generano utili ad un’azienda e magari a poche persone sole, mica ai clienti… tutte cazzate, il marketing…. Vendono aria fritta, altro che il prodotto dell’anno!

Comunque, io mi trovavo in un ufficio in mezzo a nerd, avete presente? Quelli che lavorano sui programmi dei computer, molti dei quali erano ingegneri! Brutta razza! A pranzo pure parlavano di lavoro ed esperimenti scientifici… insomma non potevano circolare! Ahahah scherzo ovviamente, sono le persone più gentili che ho conosciuto qui dentro!

Comunque, la loro conoscenza mi spingeva a voler conoscere il loro mondo… fatto di codici strani e formule astruse. Si perché un sito, per esempio, è tanto bello dal davanti (front-end) quello che si vede normalemnte, ma quello che c’è dietro (il back-end) sono codici e cose strane che fanno appunto loro.

E insomma io volevo spingermi a fare un sito mio, che poi è nato questo bloggettino da 2 soldi… mentre all’inizio la mia era un’idea più grande, volevo fare una roba di questo tipo http://www.freetradeireland.ie/ dove praticamente tu che vuoi buttare un oggetto qualsiasi, non lo butti ma la metti online gratis e il primo che ti contatta se la viene a prendere. Figo no? Ideale per noi che viviamo in un mondo dove dopo 4/5 anni (o anche meno) ci stanchiamo del mobile, della sedia, del cellulare, della bici e lo vogliamo buttare, mentre invece può tornare utile a qualcun altro, e contemporaneamente non si aumenta la quantità di rifiuti.

Insomma, questo era un sito che quando stavo in Irlanda mi andavo a vedere spesso… lì ci ho trovato un paio di cose utili, e ne ho date via altrettante che a me sarebbe costato tempo e soldi dover buttare via.

Rimane un’idea… non sono riuscita purtroppo a trovare un modo, semplice per un’ignorante come me, di fare un sito così complicato. Rimane un sogno, e spero che gli Angeli e l’Universo mi aiutino un giorno a realizzarlo. 

Beh… passano nemmeno 2 ore da che ho scritto questo post che trovo sulla rete una preghiera per richiedere aiuto alla realizzazione dei propri sogni!

Dio Padre e gli Angeli, ora cedo il mio sogno, che è [riempire lo spazio vuoto]. Voi sapete quanto io ci tenga profondamente a cuore a questo desiderio, e lo desidero molto, ancora di più per manifestare la mia vita adesso. Grazie per avermi guidato in modo chiaro, e per aiutare il mio sogno ad essere soddisfatto in questo momento.